Colesterolo: alleato sottovalutato per il benessere dei nostri polmoni

Colesterolo: alleato sottovalutato per il benessere dei nostri polmoni
Tempo di lettura: 2 minuti

 

I ricercatori dell’Università di Lund in Svezia hanno analizzato come il colesterolo possa influire sul funzionamento del polmone.

La pellicola proteica lipidica che ricopre la parte interna del polmone infatti dipende fortemente dalla concentrazione del colesterolo, che ne costituisce circa l’11% , ed è vitale per garantire una corretta funzionalità  (la sua carenza è correlata a una vasta gamma di malattie).  

Lo studio

In uno studio condiviso, i ricercatori in chimica e medicina dell’Università di Lund hanno quindi esaminato più da vicino la sottile pellicola di proteine ​​e grassi che stabilizza e protegge gli alveoli, la zona del polmone dove si effettua lo scambio di ossigeno e di anidride carbonica tra il corpo e l’aria, scoprendo che  il colesterolo ne costituisce un ingrediente naturale. Si sono poi chiesti come mai fosse quasi assente nei farmaci utilizzati nella cura dei neonati prematuri.

Le considerazioni

Nei neonati molto prematuri, la pellicola sulla superficie degli alveoli non ha avuto tempo di svilupparsi completamente e, anche dopo la somministrazione di farmaci tensioattivi, che hanno un buon effetto in fase acuta, si riscontrano danni importanti e a lungo termine “, dice Marcus Larsson, medico e ricercatore presso la Facoltà di Medicina di Lund University.

Lo studio attuale

Nell’attuale studio i ricercatori hanno utilizzato una risonanza magnetica nucleare per mappare come il colesterolo influenzi la struttura molecolare della pellicola degli alveoli, consentendo di confrontare l’aspetto della struttura con e senza il colesterolo.

I risultati

Questa differenza nella struttura molecolare della pellicola potrebbe essere molto significativa per la sua funzione: sia il trasporto di sostanze che le proprietà meccaniche potrebbero essere influenzate da questo fattore“, afferma Emma Sparr.

Nel futuro

Il colesterolo potrebbe essere incluso nei farmaci per la cura di diverse patologie polmonari, visto la presenza di questa sostanza a livelli abbastanza significativi“, spiega Marcus Larsson.

 

Fonti:

http://www.lunduniversity.lu.se/article/cholesterol-a-key-player-at-the-lung-surface

http://www.pnas.org/content/114/18/E3592