Cuore in forma grazie al pesce azzurro

Cuore in forma grazie al pesce azzurro
Tempo di lettura: 2 minuti

 

Il pesce azzurro è un alimento che non dovrebbe mancare nella nostra dieta, in quanto si tratta di un ottimo alleato per la salute. Scopriamo insieme perché.

Da cosa è caratterizzato?

Il termine pesce azzurro non ha origini scientifiche, ma commerciale. Con tale termine si comprendono tutte quelle varietà di pesci, diversi in forma e dimensioni che hanno queste caratteristiche comuni:

  • facile reperibilità nel mar Mediterraneo;
  • colorazione del dorso nei riflessi del colore blu scuro, con striature verdi argentate;
  • colorazione argentea nella parte ventrale;
  • buon rapporto qualità/prezzo;
  • carni molto digeribili e ricche di proprietà nutrizionali.

Quali sono le proprietà nutrizionali?

Contiene calcio, iodio, fosforo, potassio, selenio, fluoro, zinco, vitamine A e B. È inoltre un ottimo alleato nelle diete ipocaloriche, in quanto si tratta di un alimento povero di calorie. È anche povero di grassi saturi,  nocivi per la nostra salute, che si trovano in alimenti come insaccati e carne.

Omega 3 e colesterolo

Il pesce azzurro è importante soprattutto perché ricco di Omega 3, grassi essenziali che svolgono funzioni essenziali per la nostra salute (soprattutto quella del cuore, delle arterie e del sistema circolatorio) e sono utili nel trattamento di diversi disturbi patologici. Tra gli altri hanno il beneficio di ridurre il rischio di malattie cardiache.

Infatti gli acidi grassi non ostruiscono le arterie contrastando così il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi, evitando il rischio di trombi e coaguli e mantenendo il sangue fluido.

(Per approfondire la differenza tra colesterolo buono e cattivo leggi qui » La “carta d’identità” del colesterolo: cause e sintomi del colesterolo alto).

Il pesce azzurro aiuta quindi anche a prevenire l’aterosclerosi, un’infiammazione cronica delle arterie causata da un alto livello di colesterolo nel sangue, evitando così danni vascolari.

Per approfondire l’importanza degli Omega 3 leggi qui » Gli Omega 3: alleati del nostro cuore.

Anche gli studi lo confermano

Sono stati diversi gli studi effettuati per comprendere l’associazione tra consumo costante di Omega-3, la riduzione di trigliceridi e colesterolo LDL. È stato trovato che il consumo di 3-4 grammi al giorno di EPA e DHA può determinare una riduzione dei trigliceridi ematici del 25-45%.

Questo è confermato per soggetti con un alto livello di partenza di trigliceridi ematici, mentre la riduzione è meno significativa per i soggetti sani.

Inoltre, secondo gli studi effettuati dai ricercatori del Physician’s Healt Study, si è evidenziato che i soggetti sani che hanno la sana abitudine di consumare pesce e assumere integratori alimentari a base di olio di pesce, olio di salmone e olio di Krill, vedono ridursi dell’81% il rischio di morte per problemi al cuore inaspettati.

Infine uno studio italiano, pubblicato sulla rivista The Lancet, afferma che l’assunzione regolare di Omega 3 produce effetti protettivi anche per coloro che hanno avuto un attacco cardiaco.

Fonti:

http://www.umm.edu/health/medical/altmed/supplement/omega3-fatty-acids

http://www.heart.org/HEARTORG/