Bevande zuccherate: rischio maggiore di malattie cardiovascolari nelle donne

0
93
Bevande zuccherate: rischio maggiore di malattie cardiovascolari nelle donne

Una nuova ricerca, pubblicata sul Journal of American Heart Association, ha evidenziato come le donne che bevono abitualmente bevande zuccherate abbiano un rischio di oltre 20% maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari.

Lo studio, iniziato nel 1995, ha evidenziato diversi aspetti allarmanti correlati al bere uno o più tipi di bevande zuccherate quotidianamente:

  • probabilità del 26% superiore di aver bisogno di una procedura di rivascolarizzazione, come l’angioplastica per riaprire le arterie ostruite, 
  • probabilità maggiore del 21% di avere un ictus 
  • probabilità maggiore del 23% di avere malattie cardiovascolari.

Lo studio ha incluso oltre 106.000 donne, con un’età media di 52 anni, a cui  non erano state diagnosticate malattie cardiache, ictus o diabete.

Le donne con il più alto consumo di bevande zuccherate erano più giovani, fumatrici, obese e tendenzialmente  non mangiavano cibi sani.

Perchè lo zucchero influenza la salute cardiovascolare

Lo zucchero può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari in diversi modi:

  • aumenta i livelli di glucosio e le concentrazioni di insulina nel sangue, che possono aumentare l’appetito e portare all’obesità, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.
  • troppo zucchero nel sangue è associato a stress ossidativo e infiammazione, resistenza all’insulina, alti livelli di colesterolo e diabete di tipo 2, condizioni fortemente legate allo sviluppo dell’aterosclerosi, il lento restringimento delle arterie alla base della maggior parte delle malattie cardiovascolari.

L’American Heart Association raccomanda di limitare lo zucchero aggiunto a non più di 100 calorie al giorno (6 cucchiaini di zucchero o 25 grammi) per le donne e non più di 150 calorie al giorno (9 cucchiaini di zucchero o 38 grammi) per gli uomini. Le bevande zuccherate sono la principale fonte di zuccheri aggiunti nella dieta americana; una tipica lattina  di soda ha ben 130 calorie e 8 cucchiaini (34 grammi) di zucchero. 

L’Oms, però, si spinge oltre e, laddove possibile, raccomanda un’ulteriore diminuzione dello zucchero a meno del 5% dell’energia totale giornaliera (ovvero circa 25 grammi/6 cucchiaini da tè

Il consiglio

L’acqua rimane la bevanda più accessibile e salutare da bere regolarmente: non ha zucchero, dolcificanti artificiali e calorie.


Fonte:
https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/JAHA.119.014883