Cavolo: la verdura amica del cuore

Cavolo: la verdura amica del cuore
Tempo di lettura: 2 minuti

Consumare frutta e verdura di tutti i tipi è stata a lungo associata a un ridotto rischio di molte condizioni avverse di salute.

Molti studi hanno suggerito che l’aumento del consumo di alimenti a base vegetale come il cavolo diminuisce il rischio di diabete, obesità, malattie cardiache e mortalità generale. Può anche aiutare a promuovere una carnagione sana, una maggiore energia e un peso complessivo più basso.

I benefici del cavolo per il cuore

Gli antociani presenti nel cavolo si sono dimostrati essere in grado di sopprimere l’infiammazione che può portare a malattie cardiovascolari.

Un recente rapporto dell’American Journal of Clinical Nutrition ha associato l’assunzione di alimenti ricchi di flavonoidi con un minor rischio di morte per malattie cardiovascolari e ha dichiarato che anche piccole quantità di alimenti ricchi di flavonoidi potrebbero essere utili. L’alto contenuto di polifenoli nel cavolo potrebbe anche ridurre il rischio di malattie cardiovascolari prevenendo l’accumulo di piastrine e riducendo la pressione sanguigna.

Non solo, il buon contenuto di fibre del cavolo nero aiuta anche a mantenere bassi i livelli di LDL, ovvero di colesterolo cattivo.

Altri benefici del cavolo per la salute

Prevenzione del cancro

Un altro potenziale composto antitumorale trovato nel cavolo è il sulforafano. Le ricerche condotte negli ultimi 30 anni hanno costantemente dimostrato che il consumo di verdure crocifere è associato a un minor rischio di cancro.

I ricercatori stanno attualmente testando la capacità del sulforafano di ritardare o impedire il cancro. Risultati promettenti a livello molecolare sono stati osservati con diversi tipi di cancro, tra cui melanoma, esofageo, prostata e pancreas.

I ricercatori hanno scoperto che il sulforafano ha il potere di inibire l’enzima dannoso istone deacetilasi (HDAC), noto per essere coinvolto nella progressione delle cellule tumorali. La capacità di fermare gli enzimi HDAC potrebbe rendere gli alimenti contenenti sulforafano una parte potenzialmente potente del trattamento del cancro.

Un altro studio, condotto presso l’Università del Missouri, ha esaminato un’altra sostanza chimica trovata in cavoli, prezzemolo e sedano, chiamata apigenina; è stato trovato che riduce le dimensioni del tumore quando le cellule da una forma aggressiva di cancro al seno sono state impiantate nei topi. I ricercatori affermano che i loro risultati mostrano che l’apigenina ha il potenziale per essere utilizzata come trattamento non tossico per il cancro in futuro.

Immunità e digestione

Un modo popolare per consumare cavoli è in una forma fermentata come crauti e kimchi. I cibi fermentati potrebbero essere una dei migliori alimenti da consumare per il sistema immunitario e digestivo. I microbi sani generano un ambiente acido per preservare e sviluppare il sapore; gli enzimi prodotti nella fermentazione facilitano l’assorbimento di vitamine e minerali.

La fibra e il contenuto di acqua nel cavolo aiutano anche a prevenire la stitichezza ed a mantenere un apparato digerente sano. Mangiare una fibra adeguata favorisce la regolarità, che è cruciale per l’escrezione delle tossine attraverso la bile e le feci.

Vuoi una ricetta con il cavolo, nello specifico quello nero, per avere il cuore in salute?

Leggi qui la ricetta Insalatina di germogli, zucchine e cavolo nero a cura della Dott.ssa Giulia Accardi, Biotecnologa Nutrizionista.

Fonti:
http://www.whfoods.com/genpage.php?pfriendly=1&tname=foodspice&dbid=19
https://www.medicalnewstoday.com/articles/284823.php