Colesterolo endogeno: il punto di vista del naturopata

0
1780
https://informamangiando.blog/

Ogni giorno il nostro organismo produce diverse sostanze indispensabili al suo corretto funzionamento. Fra di esse abbiamo anche il colesterolo, un grasso presente nel sangue implicato nella sintesi degli ormoni steroidei (cortisolo, testosterone, aldosterone, estrogeni) e dei sali biliari. E’ anche precursore della Vitamina D e componente fondamentale delle membrane cellulari

Il fegato e l’intestino hanno un ruolo fondamentale nella sintesi e nell’assimilazione del colesterolo. 

Quando il colesterolo tende ad accumularsi nell’organismo può causare la formazione di placche che causano un ispessimento dei vasi sanguigni diventando meno elastici. La presenza di queste placche è causa di rischio cardiovascolare.

Il colesterolo è per lo più prodotto dal nostro organismo (colesterolo endogeno) e solo in minima parte è riconducibile all’alimentazione quotidiana (colesterolo esogeno).

Il colesterolo, sia endogeno che esogeno, si lega a strutture chiamate lipoproteine di cui le più conosciute sono le LDL che rappresentano il cosiddetto colesterolo “cattivo” e le HDL che rappresentano invece il colesterolo “buono”. Le due lipoproteine danno all’incirca il colesterolo totale che, nella persona sana, non dovrebbe essere superiore a 200 mg/dl.

Un aumento dei livelli di colesterolo può dipendere da diversi fattori

1) Eccessivo apporto di grassi saturi e carboidrati raffinati con la dieta;

2) Predisposizione famigliare;

3) Vita sedentaria con poca attività fisica;

4) Alterazioni della funzionalità epatica quali insufficienza epatica, cirrosi epatica;

5) Sindrome da alterata permeabilità intestinale (Leaky Gut);

6) Stress, insonnia e stati ansiosi prolungati;

7) Carenze vitaminiche e di acidi grassi polinsaturi;

Se i livelli di colesterolo non sono ottimali… cosa fare?

Oltre a caldeggiare un cambiamento nello stile di vita, in naturopatia, al fine di ridurre sia i livelli di colesterolo totale che delle frazioni LDL – HDL, si trattano simultaneamente sia il fegato che l’intestino favorendo la loro disintossicazione periodica specie nei cambi di stagione (primavera e autunno in modo particolare).

In Naturopatia per migliorare il profilo lipidico si possono utilizzare diversi rimedi, anche fra loro associati come: 

1) gli integratori a base di monacolina K da riso rosso fermentato che si sono rivelati molto utili nel normalizzare i livelli di colesterolo nel sangue; 

2) i decotti a base di estratti vegetali contenenti tarassaco, boldo, carciofo, cardo mariano, rosmarino, crisantello americano, marrubio e noce; 

3) gli estratti di mela annurca che agiscono anche favorevolmente sulla ricrescita dei capelli; 

4) colina e inositolo, due non vitamine del Gruppo B, che riducono sia il colesterolo che i trigliceridi evitando fra l’altro l’accumulo di grasso epatico;

5) I fermenti lattici per la loro capacità di riequilibrare la flora batterica intestinale evitando processi infiammatori a carico della mucosa intestinale che potrebbe favorire un riassorbimento del colesterolo;

L’importanza di disintossicare l’organismo con una certa frequenza viene anche confermata dalla medicina tradizionale cinese dove, al fine di mantenere in equilibrio i movimenti del Qi cioè dell’energia vitale, viene trattato l’organo fegato. Quindi, ogni qualvolta siamo stressati e stanchi e ci alimentiamo in modo scorretto, l’energia del fegato viene messa sottosopra e il rischio di veder aumentare i livelli di colesterolo nel sangue aumenta.

Pertanto, indipendentemente dal fatto che si guardi sia alla medicina occidentale che a quella orientale, è di vitale importanza il fatto che periodicamente si ripulisca il nostro organismo delle tossine accumulate.

Come fare?

Adottando uno stile di vita più sano, mangiando meglio, praticando attività fisica e dormendo un adeguato numero di ore la notte perché lo stress accumulato concorre ad aumentare i livelli di colesterolo endogeno nel nostro corpo.

Luca Colombo
Luca Colombo
Naturopata Iridologo Floriterapeuta. Operatore di Riconnessione “The Reconnection”.
Maggiori info sul nostro collaboratore