Il vino insospettato alleato per combattere il colesterolo

0
1993
Bere poco e spesso protegge dalle malattie cardiache

Il vino se bevuto con moderazione può avere effetti benefici sulla salute del cuore.

Studi clinici suggeriscono che un consumo moderato di vino, ovvero due bicchieri al giorno per gli uomini e ad uno per le donne, fa bene alla salute del cuore riducendo il rischio di malattie coronariche.

Secondo quanto emerso da uno studio dell’American Chemical Society, il vino rosso aiuta a ridurre il livello di colesterolo grazie alle saponine, composti vegetali a base di glucosio che provengono dalla buccia cerosa dell’uva che si scioglie durante la fermentazione, che agiscono prevenendo l’assorbimento del colesterolo.

Quale vino preferire?

Vino bianco e rosso sono molto simili per contenuto di calorie e carboidrati, tuttavia non tutte le qualità possiedono le stesse proprietà. 

Rispetto a quello bianco il rosso contiene molti più antiossidanti (sia flavonoidi che resvetrarolo) che fanno salire i livelli di colesterolo HDL (colesterolo buono), riducono il colesterolo LDL, (colesterolo cattivo), la formazione di coaguli nel sangue e la pressione sanguigna.

Tra i rossi meglio scegliere quelli secchi come il Pinot nero, il Merlot o il Cabernet con un più alto contenuto di antiossidanti, a differenza di quelli dolci e da dessert come il Porto caratterizzati da un maggior contenuto di zuccheri. 

Anche bevande come i cocktail, lo Spritz e la Sangria non possono vantare gli stessi benefici del vino rosso poichè prevedendo l’aggiunta di liquori, succhi di frutta e bibite gassate, hanno di conseguenza un maggior apporto di calorie. Inoltre il vino contenuto in queste preparazioni viene diluito con gli altri ingredienti e di conseguenza perde le sue preziose proprietà.

Il vino può quindi fare bene al nostro cuore, purché sia di buona qualità,  venga consumato durante i pasti e con moderazione.

Fonti:

https://menocolesterolo.it/alimentazione-e-stili-di-vita/vino-rosso-per-combattere-il-colesterolo/
https://www.sciencedaily.com/releases/2003/09/030909070840.htm