Le uova: buone o cattive per la salute

Le uova: buone o cattive per la salute
Tempo di lettura: 2 minuti

Scoperto che il colesterolo alimentare ha un impatto negativo minore sul colesterolo del sangue rispetto a quello che gli esperti pensavano.

«Le uova aumentano i livelli di colesterolo nel sangue e aumentano il rischio di malattie cardiovascolari». Non c’è da meravigliarsi se questo mito circola ancora. Le raccomandazioni per limitare il colesterolo dietetico a non più di 300 milligrammi al giorno sono in circolazione da decenni, dall’American Heart Association, all’American College of Cardiology e, fino a poco tempo fa, dalle linee guida dietetiche statunitensi.

Il contesto

Per decenni, i ricercatori e le organizzazioni sanitarie hanno creduto che una dieta ricca di uova aumentasse il colesterolo nel sangue e quindi ci fosse un maggiore fattore di rischio per le malattie cardiovascolari (che comprende infarti e ictus).

Tuttavia molti esperti hanno concluso che concentrarsi sul colesterolo nel cibo è meno importante rispetto ad altri parametri alimentari.

L’impatto del colesterolo alimentare nel sangue

È stato creduto per anni infatti che il colesterolo nel cibo svolgesse un ruolo significativo nei livelli di colesterolo malsano, ma una ricerca più recente ha scoperto che il colesterolo alimentare ha un impatto negativo più piccolo sul colesterolo del sangue rispetto a quello che gli esperti pensavano.

Ad esempio un recente studio pubblicato nell’American Journal of Clinical Nutrition, che ha seguito per 21 anni 1000 uomini tra i 42 e i 60 anni, ha scoperto che mangiare uova tutti i giorni non aumenta il rischio per malattie coronariche.

Come hanno concluso gli autori, “gli effetti delle uova sulla salute, o di qualsiasi altro cibo, non possono essere determinati in modo affidabile da un singolo nutriente nel cibo, come il colesterolo nelle uova”.

I benefici delle uova

Inoltre per la prima volta le Linee guida dietetiche 2015-2020 per gli americani non raccomandano più un limite giornaliero al colesterolo nella dieta. Hanno anche incluso le uova in tutti gli esempi di abitudini alimentari sane che si sono dimostrate essere in grado di ridurre il rischio di malattie croniche.

E infatti, limitare o eliminare inutilmente le uova dalla dieta rimuove una fonte di una proteina nobile, vitamine, minerali, luteina e colina, che sono nutrienti molto importanti per la salute degli occhi e nella gravidanza.

Nonostante ciò, non significa abbuffarsi con cibi ricchi di colesterolo.

Le raccomandazioni

Le ultime linee guida dietetiche raccomandano ancora di mangiare meno colesterolo possibile in generale, poiché gli alimenti ricchi di colesterolo (come carni grasse, burro e gelato) tendono anche ad essere ricchi di grassi saturi.

Un uovo grande, tuttavia, ha solo 1,6 grammi di grassi saturi (8% del valore giornaliero).

 

Fonti:

http://www.berkeleywellness.com/self-care/preventive-care/article/are-eggs-bad-your-heart

http://www.pazienti.it/news-di-salute/un-uovo-al-giorno-riduce-del-12-il-rischio-di-ictus-28112016