Ottenere benefici per il cuore con una dieta a base vegetale

Ottenere benefici per il cuore con una dieta a base vegetale

La dieta a base vegetale ha dimostrato di ridurre il rischio cardiovascolare, ma solo se i cibi sono veramente salutari.

È piuttosto evidente che una dieta sregolata che includa zuccheri, sale e  anche il cosiddetto “cibo spazzatura” non faccia bene al nostro cuore ma i benefici di seguire una dieta a base vegetale possono dipendere in gran parte dagli alimenti specifici consumati. 

Un nuovo studio presentato alla Sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology insieme al Congresso mondiale di cardiologia suggerisce che le persone che seguono una dieta a base vegetale che consumano frequentemente cibi meno salutari come dolci, cereali raffinati e succhi di frutta non ha mostrato alcun beneficio per la salute del cuore rispetto a coloro che non hanno seguito una dieta vegana.

Sulla base di questi risultati, sembra che semplicemente seguire una dieta vegana o vegetariana non sia sufficiente per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”, ha dichiarato Demosthenes Panagiotakos, PhD, professore all’Università di Harokopio di Atene, in Grecia e l’autore principale dello studio. “È anche importante concentrarsi su gruppi alimentari specifici e salutari a base vegetale per vedere un beneficio in termini di riduzione delle malattie cardiovascolari”.

Lo studio

I ricercatori hanno monitorato il comportamento alimentare e lo sviluppo di malattie cardiache tra oltre 2.000 adulti greci in un periodo di 10 anni, a partire dal 2002. Ai partecipanti è stato chiesto di completare un sondaggio dettagliato sulle abitudini alimentari al momento dell’iscrizione, dopo cinque anni e dopo 10 anni.

Alla fine del periodo di studio, i ricercatori hanno analizzato la relazione tra dieta e sviluppo delle malattie cardiovascolari utilizzando un indice dietetico che ha diviso i partecipanti in tre gruppi in base al numero di alimenti di origine animale (inclusi carne e prodotti derivati ​​dagli animali come uova e latticini) che consumavano al giorno. 

Nel complesso, gli uomini che consumano meno alimenti a base animale hanno il 25% in meno di probabilità di sviluppare malattie cardiache. La stessa tendenza generale è stata osservata nelle donne, ma la relazione è stata meno forte, con una riduzione del rischio complessivo di circa l’11%.

Anche se la differenza nel rischio di malattie cardiovascolari era significativa, la differenza complessiva nel consumo di alimenti di origine animale era relativamente piccola. 

Questi risultati evidenziano che anche una piccola riduzione del consumo giornaliero di prodotti di origine animale – principalmente i cibi meno sani, come i prodotti a base di carne trasformate – accompagnata da un aumento degli alimenti a base vegetale può contribuire a migliorare la salute cardiovascolare”, ha detto Panagiotakos.

Dieta Vegana sì ma attenzione…

Concentrandosi sui partecipanti che hanno seguito una dieta più vegetale, i ricercatori hanno quindi classificato la dieta di ciascun partecipante come:

  • salutare con aumento del consumo di frutta, verdura, cereali integrali, noci, legumi, oli e tè 
  • malsana che riflette un aumento del consumo di succhi di frutta, bevande zuccherate, cereali raffinati, patate e dolci. 

Solo i partecipanti che seguivano una dieta a base vegetale salutare avevano una significativa riduzione del rischio cardiovascolare.

Lo studio è stato limitato dalla sua dipendenza da questionari per tenere traccia delle diete dei partecipanti. Tuttavia, i risultati rafforzano l’evidenza dei benefici per la salute del cuore di una dieta a base vegetale.

In futuro, credo che sarà utile se le linee guida per la prevenzione delle malattie cardiovascolari offrano suggerimenti nutrizionali più chiari e specifici, in termini di tipi di alimenti raccomandati e di porzioni da consumare”, ha detto Panagiotakos.


Fonte:
https://www.acc.org/about-acc/press-releases/2020/03/18/09/26/to-reap-heart-benefits-of-a-plant-based-diet-avoid-junk-food