Test per malattie cardiovascolari per valutare il rischio di tumori

Test per malattie cardiovascolari per valutare il rischio di tumori
Tempo di lettura: 2 minuti

I risultati di un test da sforzo possono predirre il rischio di morte non solo per malattie cardiovascolari ma anche per il cancro ed altre malattie, a riferirlo è un recente studio presentato in occasione del congresso internazionale EuroEcho-Imaging. 

Buone prestazioni durante il test da sforzo equivalgono a salire molto velocemente tre o quattro piani di scale senza fermarsi.

Lo studio

Lo studio ha incluso ben 12.615 partecipanti affetti da malattia coronarica nota o sospetta. I partecipanti sono stati sottoposti ad ecocardiografia su tapis roulant, e gli è stato chiesto di camminare o correre, aumentando gradualmente l’intensità.

I pazienti sono quindi stati seguiti per 4,7 anni ed in questo periodo si sono registrati 1.253 decessi per cause cardiovascolari, 670 morti per cancro e 650 decessi per altre cause. I ricercatori hanno quindi fatto tutti gli aggiustamenti statistici del caso per poter escludere ogni tipo di influenza esterna sui dati.  

 

I risultati dello studio hanno indicato tassi di mortalità raddoppiati o triplicati

Ne è emerso che il tasso di mortalità per malattia cardiovascolare era circa tre volte più alto nei partecipanti il cui test da sforzo non aveva dato buoni risultati.  Anche le morti non dovute a cause cardiovascolari o tumorali sono state quasi triplicate tra i soggetti con i peggiori risultati nei test da sforzo. Invece le morti per cancro sono state quasi doppie nel gruppo di partecipanti allo studio che otteneva i peggiori risultati nel test da sforzo.

Sebbene fosse previsto che questi test di imaging potessero essere predittivi per problematiche cardiovascolari, erano inattesi i risultati per decessi causati da cancro o da altre condizioni.

 

Nuove conferme dei benefici dell’attività fisica su tutta la salute corporea

L’autore dello studio, dott. Jesús Peteiro, cardiologo dell’Ospedale universitario di La Coruña, ha dichiarato: “i nostri risultati forniscono un’ulteriore prova dei benefici dell’esercizio per la salute e per la longevità, oltre che a mantenere basso il peso corporeo, l’attività fisica ha effetti positivi sulla pressione sanguigna e sui lipidi, riduce l’infiammazione e migliora la risposta immunitaria del corpo ai tumori “.

Il dott. Peteiro ha tenuto a sottolineare che le persone non devono necessariamente sottoporsi all’esercitazione ecocardiografica per verificare il loro livello di forma fisica: “esistono modi molto più economici per valutare il test da sforzo sul tapis roulant. Se ad esempio si riesce a camminare molto velocemente su tre piani di scale senza mai fermarsi, o a salire su quattro piani senza fermarti, significa che si ha una buona capacità funzionale, altrimenti è un segnale che è necessario iniziare a fare un po’ di attività fisica”.

Le linee guida della Società Europea di Cardiologia raccomandano almeno 150 minuti a settimana di moderata attività fisica aerobica o 75 minuti a settimana di vigorosa attività fisica aerobica, o una combinazione delle due intensità.

 

Fonti:
https://www.escardio.org/The-ESC/Press-Office/Press-releases/Performance-on-exercise-test-predicts-risk-of-death-from-cardiovascular-disease-and-cancer