Un ingrediente alimentare comune potrebbe aumentare il rischio di diabete e obesità?

Un ingrediente alimentare comune potrebbe aumentare il rischio di diabete e obesità?
Tempo di lettura: 3 minuti

Il consumo di propionato, un ingrediente alimentare ampiamente utilizzato nei prodotti da forno, negli alimenti per animali e negli aromi artificiali, sembra aumentare i livelli di diversi ormoni associati al rischio di obesità e diabete.

La ricerca

Lo studio, condotto dall’ Harvard T.H. Chan School of Public Health in collaborazione con ricercatori di Brigham e il Women’s Hospital e Sheba Medical Center in Israele ha indicato che il propionato può innescare una cascata di eventi metabolici che porta all’insulino-resistenza e all’iperinsulinemia, una condizione caratterizzata da livelli eccessivi di insulina.

I risultati hanno anche dimostrato che nei topi, l’esposizione cronica a propionato ha comportato un aumento di peso e resistenza all’insulina.

Capire come gli ingredienti degli alimenti influenzino il metabolismo del corpo a livello molecolare e cellulare potrebbe aiutarci a sviluppare misure semplici ma efficaci per affrontare le doppie epidemie di obesità e diabete“, hanno detto Gökhan S. Hotam Gil e James Stevens Simmons Professor di Genetica e Metabolismo e Direttore del Sabri Ülker Center for Metabolic Research presso la Harvard Chan School.

Più di 400 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di diabete e si prevede che il tasso di incidenza del diabete aumenterà del 40% entro il 2040, nonostante gli sforzi profusi per frenare la malattia. I crescenti tassi di diabete, così come l’obesità, negli ultimi 50 anni indicano che fattori ambientali e dietetici influenzano la crescita di questa epidemia. I ricercatori hanno suggerito che i componenti dietetici inclusi gli ingredienti utilizzati per la preparazione o la conservazione del cibo possono essere un fattore che contribuisce, ma ci sono poche ricerche per valutare queste molecole.

Il propionato

E’ un sale, un acido grasso a catena corta presente in natura che aiuta a prevenire la formazione di muffa sui cibi.

L’esperimento

I ricercatori hanno prima somministrato questo acido grasso a catena corta ai topi e hanno scoperto che attivava rapidamente il sistema nervoso simpatico, portando ad un’impennata di ormoni, tra cui glucagone, norepinefrina e un ormone gluconeogenico recentemente scoperto chiamato proteina 4 legante gli acidi grassi (FABP4) . Questo a sua volta ha portato i topi a produrre più glucosio dalle loro cellule del fegato, portando a iperglicemia – un tratto distintivo del diabete.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il trattamento cronico dei topi con una dose di propionato equivalente alla quantità tipicamente consumata dagli esseri umani ha portato a un significativo aumento di peso nonché all‘insulino-resistenza.

Per determinare come i risultati nei topi potrebbero tradursi in esseri umani, i ricercatori hanno stabilito uno studio controllato in doppio cieco con placebo che includeva 14 partecipanti sani. I partecipanti sono stati randomizzati in due gruppi: un gruppo ha ricevuto un pasto contenente un grammo di propionato come additivo e l’altro gruppo ha ricevuto un pasto contenente un placebo. I campioni di sangue sono stati raccolti prima del pasto, entro 15 minuti dal pasto, e ogni 30 minuti in seguito per quattro ore.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno consumato il pasto contenente propionato hanno avuto aumenti significativi della noradrenalina così come aumenti di glucagone e FABP4 subito dopo aver mangiato il pasto.

Conclusioni

I risultati indicano che il propionato può agire come un “distruttore metabolico” che potenzialmente aumenta il rischio di diabete e obesità negli esseri umani. I ricercatori hanno notato che mentre il proponiato è generalmente riconosciuto come sicuro dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, queste nuove scoperte giustificano ulteriori indagini sulle alternative proponiate e potenziali che potrebbero essere utilizzate nella preparazione del cibo.

Il drammatico aumento dell’incidenza dell’obesità e del diabete negli ultimi 50 anni suggerisce il coinvolgimento di fattori ambientali e alimentari che contribuiscono. Uno di questi fattori che merita attenzione sono gli ingredienti dei cibi comuni. Siamo esposti a centinaia di questi prodotti chimici ogni giorno base, e la maggior parte non sono stati testati in dettaglio per i loro potenziali effetti metabolici a lungo termine “, ha detto Amir Tirosh, professore associato di medicina presso la Sackler School of Medicine dell’Università di Tel-Aviv, direttore della Divisione di Endocrinologia presso il Sheba Medical Center in Israele e ricercatore presso la Harvard Chan School.

Fonti:

https://stke.sciencemag.org/content/12/579/eaav5938