Una porzione di carne in meno può fare la differenza

0
1338
Arterie in salute: ecco gli alimenti da evitare

Come possiamo modificare la nostra alimentazione per renderla più salutare? È necessario cambiare completamente le nostre abitudini?

Spesso si è convinti che per adottare uno stile di vita più sano sia fondamentale stravolgere improvvisamente la nostra routine; in realtà talvolta è sufficiente iniziare da piccoli cambiamenti!

Lo sapevate che mangiare una porzione in meno di carne trasformata apporta benefici per la salute del nostro cuore?

Questo è quanto è stato affermato durante la conferenza tenutasi in Arizona a inizio marzo, dedicata alla salute cardiometabolica, sulla base di ricerche condotte dall’Università di Harvard, le quali hanno dimostrato che, sostituendo il 2% delle proteine provenienti da carne trasformata e conservata con delle alternative più salutari, il rischio di malattia cardiovascolare diminuisce del 32%. E sostituendo il 5% i benefici sono ancora di più!

Negli ultimi decenni, infatti, numerose evidenze hanno dimostrato che un elevato consumo di carne rossa ed in particolar modo di carne trasformata è associato ad un maggior rischio di sviluppare sia patologie cardiovascolari che altre malattie, come il diabete mellito di tipo 2 e alcuni tipi di tumore. Per cui, nonostante la carne sia una fonte di proteine ad alto valore e contenga alcune vitamine come la vitamina B12 e alcuni minerali come ferro e zinco, è bene non esagerare.

In particolar modo andrebbe ridotto il consumo di carne rossa, ossia di carne bovina, ovicaprina, di maiale e di cavallo. Ma soprattutto andrebbe diminuita l’assunzione di carne trasformata cioè di quella carne che subisce dei trattamenti e a cui vengono aggiunti degli additivi per prolungare la conservazione e per migliorarne colore, sapore e consistenza, come nel caso di prosciutti, salsicce, salami, wurstel…

Quali sono le linee guida?

Le linee guida per una sana alimentazione consigliano di preferire le carni bianche (come pollo, tacchino e coniglio), meglio se magre, a quelle rosse; indicano inoltre di non consumare più di una porzione alla settimana di carne rossa, dove per porzione si intende circa 100 g di prodotto. Infine sottolineano che è possibile anche una frequenza di consumo inferiore, sostituendo la carne rossa con altri prodotti dello stesso gruppo.

Anna Pirola
Anna Pirola
Farmacista esperta in nutrizione, fitoterapia, nutraceutica. Laurea in Farmacia e Master in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica Applicata. Da oltre 4 anni lavoro come farmacista e scrivo articoli di nutrizione e benessere. Sito: www.annapirola.blogspot.com - E-mail: aapirola@gmail.com

Fonti:

https://professional.heart.org/professional/EducationMeetings/MeetingsLiveCME/EPILifestyle/UCM_316904_EPI-Lifestyle-Scientific-Sessions.jsp

https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/JAHA.119.012925