Verdure d’autunno per controllare il colesterolo

0
1588
La dieta vegetariana con frutta a guscio, ortaggi e soia riduce il rischio di ictus

Abbiamo già raccontato le proprietà dei frutti autunnali, ora è il momento di capire quali siano le verdure di stagione da mettere sulle nostre tavole. 

Tutti noi al rientro dalle vacanze facciamo una lista di buoni propositi, che spesso prevede  una dieta detox per abbassare i livelli di colesterolo e perdere i centimetri di troppo. 

Possiamo raggiungere il nostro obiettivo arricchendo la nostra dieta con frutti e verdure di stagione ricchi di  vitamine e sali minerali.

Zucca

A dominare i menù autunnali troviamo la zucca, ricca di vitamine e minerali ma con un basso contenuto di calorie. E’ una delle fonti più note di beta-carotene, pigmento che dona il caratteristico colore arancio che aiuta l’organismo a contrastare i radicali liberi e a proteggerlo dalle malattie

Gioca  un ruolo chiave nella prevenzione delle patologie cardiovascolari perché ricca di Omega-3, un acido grasso che aiuta a ridurre il colesterolo ed abbassare la pressione sanguigna

Ve ne sono di molte varietà, è molto versatile ed è ottima se cucinata al forno, in padella, o come base per gustose zuppe, ma si presta anche alla preparazione di biscotti, torte e budini.

Se non avete tempo di pulirla al rientro dal lavoro potete farlo nel fine settimana; basta tagliarla a fette, togliere i semi, sbucciarla, cuocerla al forno o nel microonde e infine congelarla per averla sempre pronta.

Radicchio rosso

Sui banchi del reparto ortofrutta troviamo anche il radicchio rosso; ricco di fibre alimentari, con un basso contenuto di calorie, privo di grassi e colesterolo

Se siete stanchi della solita insalata potete cuocerlo al cartoccio con un goccio d’olio d’oliva, inserirlo nei vostri sandwich, ma anche usarlo come base per un buon risotto.

Broccoli, cavoli e cavolfiori

Onnipresenti nelle diete ipocaloriche, sono associati alla riduzione del rischio cardiovascolare perché aiutano a ridurre il cosiddetto colesterolo “cattivo” LDL. Ci sono tantissimi modi per consumarli: cotti al vapore, saltati in padella o crudi. Sono straordinari ingredienti per pasta, zuppe o torte salate. 

Se temete che durante la cottura emanino un odore sgradevole mettete una tazzina da caffè con un po’ di aceto accanto ai fornelli, oppure appoggiate un foglio di carta da cucina imbevuto di aceto vicino alla pentola.

Carciofo

Il carciofo, oltre ad abbassare il colesterolo cattivo, aumenta quello buono e abbassa i trigliceridi nel sangue. Tra le sue proprietà c’è anche un’azione antiossidante a vantaggio della nostra pelle e dei nostri organi interni. Può essere mangiato crudo, tagliato molto finemente e condito con olio, sale, pepe e succo di limone, ma anche lessato, al forno, o come protagonista per gustosi primi piatti.

Ecco alcune semplici regole per  seguire una dieta equilibrata

  • Iniziamo la giornata con una sana colazione a base di latte o yogurt magro, un paio di fette biscottate integrali con miele o marmellata
  • spezziamo la mattina e il pomeriggio con un frutto, ovviamente di stagione 
  • a pranzo consumiamo una porzione di pasta o cereali integrali con verdure
  • per cena diamo la preferenza alle proteine del pesce azzurro o della carne bianca con un buon contorno di verdure
  • limitiamo i condimenti, il consumo di alcool, ma abbondiamo con acqua e tisane depurative.