fbpx
PrendiTi a Cuore

Malattie cardiovascolari: grassi insaturi per ridurre il rischio

Malattie cardiovascolari: grassi insaturi per ridurre il rischio

 

Diversi studi hanno dimostrato che una minore assunzione di grassi saturi è associata a bassi tassi di malattia cardiovascolare e di altre principali cause di mortalità.

Cos’è la malattia cardiovascolare?

La malattia cardiovascolare (Cardio Vascular Disease – CVD) è la principale causa globale di morte, che conta 17,3 milioni di morti all’anno. Il trattamento preventivo che riduce il CVD anche di una piccola percentuale può ridurre sostanzialmente, a livello nazionale e globale, il numero di persone che sviluppano il CVD e le spese per la cura degli stessi.

Il consiglio presidenziale dell’Associazione Americana del Cuore (American Heart Association) per i grassi alimentari esamina le prove scientifiche, tra cui gli studi più recenti, sugli effetti dell’assunzione di grassi saturi alimentari e la sua sostituzione con altri tipi di grassi e carboidrati sulla CVD.

Gli studi

Negli studi effettuati è stata abbassata l’assunzione di grassi saturi alimentari sostituendola con olio vegetale polinsaturo. Questo ha portato ad una riduzione della malattia cardiovascolare di circa il 30%, una riduzione simile a quella ottenuta con il trattamento statinico.

I risultati

Studi osservazionali prospettici in molte popolazioni hanno dimostrato che una minore assunzione di grassi saturi insieme ad una maggiore assunzione di grassi polinsaturi e monoinsaturi è associata a bassi tassi di CVD e di altre principali cause di mortalità. Al contrario, la sostituzione di grassi saturi con carboidrati e zuccheri principalmente raffinati non è associata a tassi più bassi di CVD e non ha ridotto la CVD negli studi clinici.

Conclusioni

La sostituzione di grassi saturi con grassi insaturi riduce il colesterolo lipoproteico a bassa densità, che è causa di aterosclerosi. (Per approfondimenti sull’aterosclerosi leggi l’articolo: “Aterosclerosi: un peptide endogeno abbassa i livelli di colesterolo). Prendendo in considerazione la totalità delle prove scientifiche, si può quindi concludere che ridurre l’assunzione di grassi saturi e sostituirli con quelli insaturi, soprattutto grassi polinsaturi, può ridurre l’incidenza di CVD.

 

Fonte

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28620111

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.

One thought on “Malattie cardiovascolari: grassi insaturi per ridurre il rischio

Comments are closed.