Abbassare i livelli di colesterolo aiuta le donne colpite da cancro al seno

Abbassare i livelli di colesterolo aiuta le donne colpite da cancro al seno
Tempo di lettura: 3 minuti

Le donne che iniziano la terapia per abbassare il colesterolo durante la terapia adiuvante per il cancro al seno hanno una sopravvivenza DFS (senza la malattia) e altri risultati significativamente migliori.

Questo è il risultato emerso da una nuova analisi riguardo uno studio randomizzato.

L’iniziazione della terapia di abbassamento del colesterolo è stata associata con un miglioramento del DFS (Disease-free survival – sopravvivenza senza malattia) del 21%, un miglioramento del 24% dell’intervallo senza carcinoma mammario (BCFI) e un miglioramento del 26% in intervalli distanti senza ricorrenza (DRFI) rispetto alle donne che non hanno ricevuto farmaci contro il colesterolo.

I risultati, in aggiunta a precedenti prove di un effetto benefico di farmaci che riducono il colesterolo (principalmente statine) sul rischio di cancro al seno, hanno esteso le prove in un’altra chiave, come riportato nel Journal of Clinical Oncology.

 

Lo studio in questione, condotto dai ricercatori dell’Università di Lund in Svezia, è il primo a sostenere l‘effetto benefico dei farmaci per abbassare il colesterolo sull’esito del cancro al seno, basandosi su un ampio test clinico randomizzato condotto a livello internazionale, sulla terapia endocrina adiuvante moderna in donne in post-menopausa con il cancro al seno positivo del recettore dell’estrogeno (ER).

“Le prove del nostro studio osservazionale garantiscono una grande sperimentazione clinica prospettica randomizzata per confermare il valore del trattamento di abbassamento del colesterolo concomitante con il trattamento endocrino del cancro al seno.
L’ulteriore chiarimento dell’effetto sul risultato dell’interazione clinica tra farmaci di abbassamento del colesterolo e gli agenti endocrini, entrambi ampiamente utilizzati dai pazienti con cancro al seno, forniranno una visione esclusiva per i progetti di sperimentazione futuri “. Sostiene Signe Borgquist, MD, co autore dello studio.

 

Le statine

“Le statine sono state al centro della maggior parte degli studi che valutano gli effetti dell’abbassamento del colesterolo sul cancro, ma questo studio non ha affrontato specificamente l’uso della statina” ha evidenziato Don S. Dizon, MD, esperto americano di Oncologia Clinica.

Infatti, lo studio in questione non ha fatto distinzione tra statine e altri farmaci per ridurre il colesterolo in relazione al trattamento del cancro al seno.

“È curioso osservare che l’uso di farmaci per l’abbassamento del colesterolo ha portato a un miglioramento delle caratteristiche tumorali, tra cui una dimensione tumorale significativamente più piccola alla diagnosi, anche se non è stata osservata alcuna differenza significativa nel grado tumorale”, ha osservato Dizon. “In questo modo, conferma altre relazioni che suggeriscono l’uso di farmaci per l’abbassamento del colesterolo – in particolare le statine – associato ad una minore incidenza di malattie a tarda fase”.

Secondo Dizon lo studio fornisce principalmente “più sostegno ad un’ipotesi, che dovrebbe contribuire a fornire un ulteriore supporto per uno studio clinico randomizzato”.

 

Farmaci analizzati

Nell’introduzione allo studio gli autori hanno evidenziato come i farmaci possano incidere sui tumori abbassando sistematicamente i livelli di colesterolo e del colesterolo metabolita 27 – idrossicolesterolo (27HC), che agisce come un legante ER e ha dimostrato di regolare la crescita tumorale dipendente dall’ER.

L’ipercolesterolemia durante il trattamento con un inibitore dell’aromatasi (AI) può ridurre l’effetto previsto della terapia endocrina, data la prova di potenziamento ER da parte di 27HC. Le pazienti trattate con un AI potrebbero trarre vantaggio dall’uso parallelo di farmaci che abbassano il colesterolo.

 

Borgquist e i co-autori dello studio hanno riportato i risultati di un’analisi del Breast International Group (BIG) 1-98, che ha confrontato le terapie endocrine adiuvanti – letrozolo, tamoxifene o uso sequenziale dei due agenti – in 8.000 donne con un tumore al seno precoce, ER – positivo.
I risultati primari hanno mostrato una sopravvivenza superiore a 5 anni senza malattia con letrozolo.

 

 

Gli autori hanno riconosciuto diverse limitazioni dello studio – la sua natura osservazionale, nonostante l’uso di dati raccolti in modo prospettico, o la mancanza di informazioni sulle ragioni di iniziazione ai farmaci per abbassare il colesterolo – che tuttavia apre nuove prospettive per la cura del cancro al seno.

 

Fonte: http://ascopubs.org/doi/abs/10.1200/JCO.2016.70.3116