Bassi livelli di colesterolo HDL associati ad un rischio più alto di sviluppare la demenza.

Bassi livelli di colesterolo HDL associati ad un rischio più alto di sviluppare la demenza.
Tempo di lettura: 2 minuti

Due studi recenti hanno fatto luce su chi sia più a rischio di sviluppare demenza e su come possiamo prevenire o ritardare la malattia precocemente.

Due terzi delle persone affette da demenza sono donne, e l’Ufficio australiano di statistica conferma che ora è la principale causa di morte per le donne nel paese. Tuttavia, ci sono pochi studi su come la demenza progredisca nelle donne.

Segni premonitori

In uno studio su Brain Imaging and Behaviour, i ricercatori hanno scoperto che il volume di materia grigia nel cervello  di una donna all’età di 60 anni possa prevedere le prestazioni di memoria che si avranno a 70 anni.

Nella materia grigia avviene la vera elaborazione, tra cui la parola, l’udito, i sentimenti, il vedere e la memoria. La materia bianca consente la comunicazione da e verso aree di materia grigia, così come tra la materia grigia e altre parti del corpo.

Uno studio separato  riporta che le donne che avevano livelli normali di colesterolo “buono”, (HDL), hanno avuto meno danni alla sostanza bianca nel loro cervello un decennio più tardi quando si sono sottoposte a scansioni MRI cerebrali. Quindi, mantenere sani livelli di colesterolo influenza direttamente la struttura del cervello.

Nel loro insieme, questi risultati mostrano che ci sono utili biomarcatori di neuroimaging per la previsione del declino cognitivo nelle donne anziane sane“, dice la ricercatrice capo Cassandra Szoeke, professore all’Università di Melbourne che dirige il progetto di invecchiamento salutare delle donne dell’università.

Cambiamenti tracciati nel tempo

I ricercatori già sapevano che la contrazione del cervello (o atrofia) è associata alla diagnosi di demenza.

“Includere la scansione cerebrale in uno studio longitudinale come questo è molto raro”, afferma Szoeke. “Significava che potevamo misurare la patologia cerebrale delle donne insieme alla cognizione per decenni, ed essere in grado di” vedere “l’impatto dei cambiamenti nel cervello è un enorme passo avanti nella comprensione di come si sviluppa la demenza“.

Nello studio, le donne con alterazioni della sostanza bianca erano peggiori ai test di pianificazione e organizzazione, e quelle con perdita di volume della materia grigia avevano una memoria peggiore con l’invecchiamento.

Sappiamo che avere familiari che hanno avuto demenza aumenta la nostra possibilità di malattia, ma ora abbiamo altri modi per prevedere come il nostro cervello possa invecchiare“, dice Szoeke.

Lifestyle sano= cervello sano

Szoeke afferma che gli stili di vita sani sono importanti, in particolare mantere l’attività fisica quotidiana.

Il nostro studio dimostra che i vasi sanguigni sani riducono il rischio di declino e malattia cognitiva. Ciò è in linea con la nostra consapevolezza che un’attività fisica regolare, la normale pressione sanguigna e il mantenimento di livelli normali di colesterolo HDL sono tutti associati a una migliore cognizione “, afferma.

In questo studio, bassi livelli di colesterolo HDL sono stati associati a più danni al cervello.

Quindi, mantenere buoni livelli di colesterolo, una pressione sanguigna nei limiti e una dieta sana, insieme a buoni livelli di attività fisica e controlli sanitari annuali sono importanti per mantenere una buona salute del cervello.

Questi risultati suggeriscono che ridurre i principali fattori di rischio cardiovascolare a metà della vita potrebbe anche essere efficace nel ridurre lo sviluppo di lesioni cerebrali e declino cognitivo“, dice Szoeke.

Fonte:
https://pursuit.unimelb.edu.au/articles/how-good-cholesterol-can-keep-women-s-brains-healthy