Cosa significa per la salute essere “obesi dentro”

Cosa significa per la salute essere “obesi dentro”
Tempo di lettura: 1 minuto

Sono circa 6 milioni di italiani ad essere magri in apparenza, ma in realtà “obesi dentro”, cioè con un metabolismo simile a chi è in sovrappeso.

Cosa significa essere “Obesi dentro”?

Questo significa avere un accumulo di deposito di grassi nel sangue o nel fegato.

Ecco ciò che è emerso dagli esperti della Società Italiana di Medicina Interna (Simi) in occasione del 119° Convegno Nazionale di Roma.

Il fegato grasso tra i principali problemi

Spiega il presidente della Simi Franco Perticone all’ANSA che i magri “metabolicamente obesi” possono nascondere gli stessi problemi di coloro che sono sovrappeso. Ad esempio avere il fegato grasso (steatoepatite non alcolica) può predisporre allo sviluppo di malattie croniche come la cirrosi o il tumore al fegato.

I fattori che influenzano tale condizione variano: dalla genetica, allo stress, da una vita sedentaria ad un eccessivo consumo di carboidrati.

Come fare?

Cambiare il proprio stile di vita può aiutare a far regredire, almeno in parte, il problema. Tuttavia in alcune particolari situazioni servono dei farmaci per uccidere il killer silenzioso del fegato e per prevenire la progressione verso la cirrosi epatica o l’epato-carcinoma.

Questi farmaci non sono ancora disponibili, tuttavia, tra le molecole più promettenti, ci sono gli attivatori del recettore Fxr, che, come continua Perticone, è il principale regolatore della sintesi degli acidi biliari e un importante fattore nel metabolismo del glucosio e dei lipidi.

In sperimentazione anche un altro farmaco orale, a somministrazione giornaliera agonista β-selettivo del recettore dell’ormone tiroideo, sembra funzionare.

Entrambe le sperimentazioni si sono dimostrati efficaci già dopo 12 settimane per ridurre il grasso epatico.

Fonte:
http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2018/10/28/sei-milioni-di-italiani-sono-obesi-dentro_72dc1abb-8b4b-4748-83fb-d8822e25d4a3.html

Credit photo:Background image created by Jcomp – Freepik.com