Il 25% della popolazione mondiale soffre di fegato grasso

Il 25% della popolazione mondiale soffre di fegato grasso
Tempo di lettura: 2 minuti

La malattia del fegato grasso non alcolica è caratterizzata dall’accumulo di grasso nelle cellule epatiche non causato da un elevato consumo di alcol. Per questa malattia, una delle più comuni nei paesi sviluppati, colpisce circa il 25% della popolazione mondiale, ad oggi non c’è alcun trattamento. Un team dell’Institute for Research in Biomedicine di Barcellona ha scoperto però una proteina che può prevenire e potenzialmente curare la malattia.

Quando si parla di  fegato grasso?

È normale che il fegato contenga grasso ma se supera del 5-10% il peso del fegato, allora si può parlare di  fegato grasso e c’è il rischio di sviluppare serie complicanze.

Le principali cause

  • Un’alimentazione troppo ricca di calorie
  • La presenza di altre condizioni come l’obesità, il diabete o l’ipertrigliceridemia
  • L’abuso di alcol 
  • La rapida perdita di peso per diete estreme 
  • La malnutrizione.

Infine vi sono casi in cui il fegato grasso si sviluppa anche in assenza di queste condizioni e i motivi per cui ciò accade sono ancora oggetto di studio.

I sintomi

Purtroppo il fegato grasso è asintomatico e solo in caso di un grave peggioramento si riscontra affaticamento, calo di peso, debolezza e confusione.

Le conseguenze

Il fegato grasso non è una condizione che causa sempre un danno epatico. Tuttavia in alcune persone ( tra il 2 e il 5%) porta ad una infiammazione del fegato. Questa condizione, chiamata steatoepatite, causa danno epatico.

La cura: non esiste ma da oggi c’è una speranza

Il team dell’ IRB di Barcelona ha infatti identificato uno dei fattori che conferiscono protezione contro questa condizione: la proteina Mitofusin 2.

La mitofusina 2 emerge come un possibile obiettivo terapeutico per combattere il fegato grasso, una malattia per la quale non sono disponibili trattamenti. La diagnosi precoce di questa malattia è difficile e attualmente i medici raccomandano solo la perdita di peso per alleviare la condizione“, spiega Antonio Zorzano, capo di il laboratorio sulle malattie metaboliche complesse e sui mitocondri dell’IRB di Barcellona.

Ora stiamo studiando diversi approcci che ci consentiranno di migliorare i livelli di Mitofusin 2, senza produrre effetti collaterali e che potrebbero essere rilevanti nel trattamento della malattia del fegato grasso non alcolica“, afferma María Isabel Hernández-Alvarez, collega post-dottorato all’IRB di Barcellona e primo autore dello studio.

Fonti:

https://www.irbbarcelona.org/en/news/researchers-at-irb-barcelona-identify-a-protein-that-protects-against-non-alcoholic-fatty-liver

https://www.cell.com/cell/fulltext/S0092-8674(19)30396-4?_returnURL=https%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS0092867419303964%3Fshowall%3Dtrue