Il difetto delle cellule cardiache può causare insufficienza cardiaca in gravidanza

Il difetto delle cellule cardiache può causare insufficienza cardiaca in gravidanza
Tempo di lettura: 2 minuti

La ricerca dell’Università di Tel Aviv ha importanti implicazioni diagnostiche e terapeutiche per prevenire e curare la cardiomiopatia peripartum

La cardiomiopatia peripartum (PPCM) è una forma rara di insufficienza cardiaca che colpisce le donne nel loro ultimo mese di gravidanza e fino a cinque mesi dopo il parto. La PPCM può essere difficile da rilevare perché i suoi sintomi – gonfiore ai piedi e alle gambe e mancanza di respiro – imitano quelli comuni della gravidanza del terzo trimestre. La malattia, che può essere fatale, si manifesta come disfunzione del muscolo cardiaco e insufficienza cardiaca, ma la causa sottostante era, ad oggi, ignota.

Ora, un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv rivela che una delle possibili cause primarie del PPCM è un difetto funzionale delle cellule del cuore. I risultati possono avere implicazioni diagnostiche e terapeutiche.

La scoperta

La ricerca è stata condotta congiuntamente dal Prof. Jonathan Leor e dalla dott.ssa. Nili Naftali-Shani, entrambi del Cardiovascular Research Institute della Sackler School of Medicine di TAU, dottori del Sheba Medical Center e il dottor Lorenzo Monserrat di Coruña, in Spagna.

È stato precedentemente suggerito che i livelli di STAT3, una proteina protettiva essenziale coinvolta nella risposta cellulare allo stress, erano anormalmente bassi nelle cellule cardiache dei pazienti con PPCM. Questo ha innescato un processo biologico che ha alterato i livelli di prolattina, creando prodotti tossici che causano la malattia “, dice il professor Leor.

Abbiamo poi scoperto che un difetto funzionale nelle cellule del cuore dei pazienti con PPCM, caratterizzato da un rilascio alterato di fattori di crescita che regolano la formazione dei vasi sanguigni o fattori che attivano il sistema immunitario, era il meccanismo sottostante coinvolto nella malattia.”

I ricercatori dicono che la loro scoperta mette in discussione il trattamento di donne con PPCM con bromocriptina, un farmaco usato per trattare i sintomi di iperprolattinemia (alti livelli di prolattina), che ha gravi effetti avversi.

Lo studio

La dott.ssa Naftali-Shani ha usato una tecnica di ingegneria genetica all’avanguardia, che ha vinto il premio Nobel per la medicina e la fisiologia nel 2012, per produrre cellule staminali e cellule cardiache dalle cellule della pelle dei pazienti PPCM.

Questa è la prima volta che questa tecnica viene utilizzata per studiare il meccanismo del PPCM“, afferma la dottoressa Naftali-Shani. “Usando queste cellule cardiache, siamo stati in grado di scoprire che la teoria accettata era errata: le cellule del miocardio prodotte dalle cellule staminali dei pazienti presentavano difetti funzionali che causavano loro la secrezione di proteine ​​infiammatorie e una proteina che inibisce la formazione di vasi sanguigni nel muscolo, anche senza stress. Speriamo che questa scoperta spiani la strada a la diagnosi precoce “.

Il prof. Leor afferma: “La nostra futura sfida sarà quella di esplorare l’esatto difetto molecolare nelle cellule cardiache delle donne con PPCM e determinare un nuovo obiettivo per la prevenzione e la terapia“.

Fonti:
https://www.aftau.org/weblog-medicine–health?&storyid4704=2429&ncs4704=3
https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/CIRCULATIONAHA.118.035950