Integratori per abbassare il colesterolo: cosa funziona davvero

Integratori per abbassare il colesterolo: cosa funziona davvero
Tempo di lettura: 7 minuti

Se stai cercando un modo tutto naturale per abbassare il colesterolo, oltre a stare attento all’alimentazione e fare esercizio fisico, puoi trovare sul mercato diversi integratori alimentari tutti che dichiarano di contribuire ad abbassare i livelli di colesterolo. Ma come fare a scegliere? Come evitare di acquistare prodotti che magari si presentano bene ma poi non danno i risultati promessi?

Gli studi scientifici sono il modo migliore per determinare se i rimedi senza ricetta medica, ossia gli integratori, funzionino davvero. Vi proponiamo qui sotto una breve analisi dei principali rimedi per il colesterolo che si trovano sul commercio.

 

Riso rosso fermentato

  • Che cos’è: il riso rosso fermentato è un fungo che cresce sul riso e contiene piccole quantità di monacolina K, una forma naturale di lovastatina che è un tipo di statina che si trova anche nei farmaci di prescrizione.
  • Le prove: rispetto a alla maggior parte degli integratori alimentari le evidenze scientifiche sull’efficacia del riso rosso fermentato sono abbastanza solide. Negli anni sono stati condotti numerosi studi di alta qualità ed è stato dimostrato che varie preparazioni a base di riso rosso fermentato / monacolina K abbassano il colesterolo LDL dal 20% al 30% circa. Un risultato a tutti gli effetti paragonabile a quello una statina da prescrizione.

In uno studio recente condotto dall’Università Statale di Milano si è inoltre dimostrato come un ulteriore contributo nel ridurre il colesterolo possa derivare dall’associazione di riso rosso fermentato con probiotici, in grado di ridurre l’assorbimento intestinale di grassi. Link ad articolo (https://menocolesterolo.it/prenditi-a-cuore/come-riportare-nella-norma-i-livelli-di-colesterolo-endogeno-ed-esogeno/)

 

  • Conclusioni: il riso rosso fermentato è un modo efficace per abbassare il colesterolo, ma la sua potenza rende alcuni medici cauti nel consigliare questo prodotto a tutti. La quantità di monacolina K presente nelle pillole di riso rosso fermentato varia ampiamente a seconda delle marche. Per avere dei risultati bisogna assicurarsi di assumere 10 mg al giorno di Monacolina K. Inoltre ingerire inavvertitamente troppo riso rosso fermentato può causare effetti collaterali come ad esempio dolori muscolari, tipici delle statine.  

 

Estratto di foglie di carciofo

  • Che cos’è: l’estratto secco della foglia di carciofo è anche noto come Cynara scolymus.
  • Le prove: nel 2000, i ricercatori tedeschi hanno eseguito uno studio su quasi 150 persone con valori di colesterolo totale superiori a 280. I partecipanti che hanno assunto un integratore di carciofo per sei settimane hanno visto i loro livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL), o colesterolo cattivo, diminuire del 23%, in media, rispetto a solo il 6% nel gruppo placebo.

 

Questi sono numeri promettenti, ma non sono stati replicati. Uno studio più recente, della durata di tre mesi, ha rilevato che il colesterolo totale è diminuito in media del 4% tra i partecipanti che assumono estratto di foglie di carciofo, ma i ricercatori non hanno rilevato alcun impatto misurabile su LDL o lipoproteine ad alta densità (HDL), note anche come colesterolo buono

 

  • Conclusioni: ci sono stati pochissimi studi di qualità condotti sull’estratto di foglie di carciofo, ei risultati misti suggeriscono che sono necessarie ulteriori prove per confermare il suo effetto sul colesterolo. Non bisogna aspettarsi che il valore di LDL crolli prendendo integratori di carciofo.

 

Il fieno greco

  • Che cos’è: il fieno greco è un seme (spesso macinato in una polvere) che è stato utilizzato sin dai tempi dell’antico Egitto ed è disponibile in forma di capsule. Il fieno greco contiene una quantità significativa di fibre alimentari e alcuni esperti ipotizzano che il presunto effetto di abbassamento del colesterolo del fieno greco possa in realtà essere attribuito in gran parte al suo contenuto di fibre.
  • Le prove: diversi studi degli anni ’90 hanno riportato che, in dosi elevate, vari preparati di semi di fieno greco possono ridurre il colesterolo totale e l’LDL, in alcuni casi in modo importante. (Uno studio ha registrato un calo di LDL fino del 38%.) Questi studi tuttavia sono stati realizzati su pochi pazienti e non sono stati valutati di alta qualità. I risultati vanno quindi presi con le pinze.
  • Conclusioni: nonostante gli studi scientifici vengano frequentemente citati come prova della capacità di fieno greco di abbassare il colesterolo, non ci sono prove sufficienti per supportare il suo uso.

 

Fibre

  • Che cos’è: la fibra solubile è un tipo di fibra alimentare presente in avena, orzo, crusca, piselli e agrumi, oltre che negli integratori alimentari.
  • Le prove: nel 1999, un team di ricercatori della Harvard Medical School ha condotto una meta-analisi di circa 70 studi clinici andando ad esaminare l’effetto della fibra solubile sui livelli di colesterolo. L’assunzione elevata di fibre solubili è stata associata a riduzioni sia del colesterolo LDL che del colesterolo totale. Per ogni grammo di fibra solubile che i partecipanti dei vari studi hanno aggiunto alla loro dieta quotidiana, i loro livelli di LDL sono diminuiti di circa 2 punti.

Resta il fatto che la quantità di fibre che si dovrebbe assumere per avere dei risultati significativi è veramente alta. La maggior parte delle persone mangia meno dei 25 grammi di fibra alimentare raccomandati dalla maggior parte delle organizzazioni sanitarie. Prendere integratori di fibre quotidiane può aiutare, ma possono causare alcuni effetti collaterali gastrointestinali se assunti regolarmente, inoltre potrebbero interferire con alcuni farmaci da prescrizione .

 

  • Conclusioni: una dieta ricca di fibre solubili può ridurre i valori di LDL ma è  probabile che l’effetto sarà relativamente modesto.

 

Olio di pesce

  • Che cos’è: il pesce è ricco di due acidi grassi omega-3 positivi per cuore, EPA e DPA. In forma concentrata, questi acidi grassi sono gli ingredienti principali negli integratori di olio di pesce, che di solito vengono venduti sotto forma di capsule di gel.
  • Le prove: negli studi clinici che hanno utilizzato dosi relativamente elevate (3 grammi o più), l’olio di pesce ha dimostrato di abbassare i livelli di trigliceridi – il terzo componente del numero totale di colesterolo – di circa il 10% – 30%. (Più alto è il livello dei trigliceridi, più è efficace). Tuttavia l’olio di pesce non diminuisce le LDL.

 

Alti livelli di trigliceridi sono stati associati ad un aumentato rischio di malattia coronarica, ma abbassarli non è importante quanto abbassare il colesterolo LDL. In effetti, alcuni esperti ritengono che i trigliceridi siano un segno, piuttosto che una causa, del rischio di malattie cardiache.

 

  • Conclusioni: l’olio di pesce abbassa i trigliceridi, specialmente nelle persone dove i valori sono alti. L’American Heart Association raccomanda che le persone che hanno bisogno di abbassare i loro trigliceridi dovrebbero, consultandosi con il proprio medico, assumere da 2 a 4 grammi di olio di pesce al giorno; le persone con malattie cardiache dovrebbero consumare circa 1 grammo al giorno di EPA e DPA preferibilmente mangiando pesce grasso come il salmone.

 

Aglio

  • Che cos’è: l’aglio è un membro della famiglia di cipolle ed il suo integratore è disponibile sottoforma di olio, estratto o pillola.
  • Le prove: in un rapporto del 2000 sull’impatto dell’aglio sui fattori di rischio cardiovascolare, l’Agenzia federale  americana per la ricerca ha rilevato che l’aglio ha causato un calo minimo ma misurabile sia in LDL che in colesterolo totale, ma solo nel breve termine.

 

Una ricerca successiva non è stata tuttavia incoraggiante. Uno studio del 2007 negli ha confrontato l’aglio crudo con gli integratori di aglio commerciale per un periodo di sei mesi e non ha rilevato effetti misurabili delle varie forme di aglio sui livelli di colesterolo totale, LDL, HDL o trigliceridi rispetto al placebo. L’anno successivo, una meta-analisi che includeva solo studi randomizzati, controllati con placebo, ha concluso che l’aglio non ha alcun effetto sul colesterolo.

  • Conclusioni: sebbene l’aglio possa aiutare a ridurre temporaneamente l’LDL, la sua capacità di influenzare significativamente i livelli di colesterolo è discutibile.

 

Ginseng

  • Che cos’è: il Ginseng è una radice originaria dell’Asia che è stata usata nella medicina tradizionale per secoli e ora è venduta sotto forma di capsule.
  • Le prove: la ricerca sul ginseng e sul colesterolo è varia ma non convincente. In una revisione completa del 2005, un team di ricercatori della Harvard Medical School ha notato che diversi studi avevano trovato un effetto benefico del ginseng su uno o più componenti del colesterolo. Ma la maggior parte degli studi erano piccoli, solo alcuni erano randomizzati e nessuno era in cieco o controllato con placebo.
  • Conclusioni: anche se i risultati degli studi non randomizzati non possono essere ignorati, non ci sono abbastanza prove per sostenere l’uso di ginseng per abbassare il colesterolo.

 

Guggul

  • Che cos’è: il guggul è un estratto di resina di albero, usato da tempo nella medicina ayurvedica, contiene steroli vegetali (guggulsteroni) ed è disponibile in forma di capsule.
  • Le prove: come nel ginseng, la ricerca su guggul e colesterolo è approssimativa. I primi studi riportavano riduzioni di colesterolo totale, LDL e trigliceridi del 10% o più, ma la maggior parte degli studi erano piccoli e difettosi. Poi, nel 2003, i ricercatori dell’Università della Pennsylvania hanno pubblicato sul Journal of American Medical Association (JAMA) uno studio randomizzato controllato di oltre 100 persone con colesterolo alto. I risultati hanno evidenziato come il guggul non abbia dato effetti misurabili sul colesterolo totale, sulle HDL o trigliceridi e che al contrario ha causato un aumento delle LDL di circa il 5%.

 

  • Conclusioni: sono necessarie ulteriori ricerche, ma per ora non ci sono prove sufficienti per giustificare l’uso di guggul per abbassare il colesterolo. Inoltre alcune ricerche hanno scoperto che il 20% dei medicinali ayurvedici può essere contaminato da piombo o altre tossine. Bisogna quindi fare attenzione alla qualità dei prodotti che si acquistano.

 

Niacina

  • Che cos’è: la niacina è una vitamina del gruppo B che si trova naturalmente nella carne, nel pesce e nei latticini. È anche disponibile come capsula.
  • Le prove: gli esperti conoscono da molto tempo la funzione della niacina nel contribuire a ridurre i livelli di colesterolo. Uno studio degli anni ‘70 durato sei anni e condotto su oltre 1.100 persone condotte ha dimostrato come la niacina può portare ad una significativa diminuzione del colesterolo totale, delle LDL e dei trigliceridi. Ma il suo effetto più notevole è su HDL: la ricerca mostra che la niacina può aumentare i livelli di HDL fino al 35%. (In parte, per questo motivo, la niacina è comunemente usata in aggiunta alle statine, che abbassano il LDL).

Il problema è che questo effetto lo si può ottenere solo ad alte dosi da 2 grammi a 3 grammi al giorno. La niacina è disponibile come integratore da banco in dosi a rilascio prolungato di 500 milligrammi o più, ma assumere in modo consistente quantità di niacina può causare effetti collaterali che vanno dal rossore della pelle fino al danno epatico.

  • Conclusioni: la niacina aumenta le HDL, ma non si dovrebbe prendere senza consultare un medico. L’American Heart Association avverte che gli integratori di niacina non dovrebbero essere assunti in sostituzione di una prescrizione a causa degli effetti collaterali potenzialmente gravi.

 

Proteine ​​di soia

  • Cos’è: la proteina di soia si trova in alimenti a base di soia come il tofu, l’edamame e il latte di soia. È anche venduto come polvere nei negozi di nutrizione.
  • Le prove: dieci anni fa, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha iniziato a consentire etichette su determinati alimenti che contenevano soia; le etichette dicevano che la proteina di soia era povera di grassi saturi e colesterolo e che poteva ridurre il rischio di malattie cardiache abbassando il colesterolo LDL.

Il consumo di soia negli Stati Uniti è così esploso, ma da allora la ricerca ha rilevato che l’effetto delle proteine ​​di soia su LDL è stato relativamente modesto. Una revisione scientifica del 2006 del comitato nutrizionale dell’American Heart Association ha rilevato che un consumo medio di 50 grammi di proteine ​​di soia al giorno ha portato a una diminuzione media delle LDL di appena 3%. Né l’assunzione di soia ha causato un aumento significativo dei livelli di HDL.

  • Conclusioni: la proteina di soia abbassa LDL, ma solo leggermente.

 

Per ulteriori informazioni consulta la nostra guida per scegliere un buon integratore per abbassare il colesterolo

https://menocolesterolo.it/prenditi-a-cuore/come-scegliere-un-buon-integratore-a-base-di-monacolina-k-per-abbassare-il-colesterolo/

 

FONTE:
https://www.health.com/health/condition-article/0,,20295990,00.html