Invertire i primi segni di aterosclerosi

0
47
Invertire i primi segni di aterosclerosi

La quantità di colesterolo non HDL e lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) nel sangue sono accettate come fattori di rischio causali per le malattie cardiovascolari e svolgono un ruolo significativo nel prevedere il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Gli autori di un nuovo studio affermano però che intervenire precocemente e intensamente per ridurre i livelli di colesterolo non HDL durante la vita potrebbe potenzialmente invertire i primi segni di aterosclerosi. Tuttavia, esiste una notevole incertezza sulla misura in cui livelli di colesterolo leggermente aumentati o apparentemente normali influenzino il rischio cardiovascolare durante la vita.

Associazione a lungo termine tra i livelli di colesterolo e il rischio di eventi cardiovascolari.

Lo studio osservazionale su 400.000 persone, pubblicato su The Lancet, estende la ricerca esistente perché suggerisce che livelli crescenti di colesterolo non-HDL possono prevedere il rischio cardiovascolare a lungo termine all’età di 75 anni. 

Gli autori hanno valutato e confermato l’associazione a lungo termine tra i livelli di colesterolo e il rischio di eventi cardiovascolari. Hanno quindi utilizzato questi dati in un modello per stimare la probabilità di un evento cardiovascolare all’età di 75 anni per le persone di età compresa tra 35 e 70 anni, in base al sesso di una persona, ai livelli di colesterolo non-HDL, all’età e ai fattori di rischio di malattie cardiovascolari ( come il fumo, il diabete, l’IMC, la pressione arteriosa sistolica e i farmaci antiipertensivi). Il modello ha anche stimato quanto rischio potrebbe essere ridotto se i livelli di colesterolo non HDL fossero dimezzati .

Ad esempio, le donne con livelli di colesterolo non HDL compresi tra 3,7 e 4,8 mmol / litro, che avevano meno di 45 anni e presentavano almeno altri due fattori di rischio cardiovascolare, avevano una probabilità del 16% di manifestare un evento cardiovascolare entro l’età di 75 anni (vale a dire 16 donne su 100 con queste caratteristiche avevano un evento cardiovascolare all’età di 75 anni). Per le donne di età pari o superiore a 60 anni con le stesse caratteristiche, il rischio stimato era del 12%.

Per gli uomini con le stesse caratteristiche, il rischio stimato per le persone di età inferiore ai 45 anni era del 29% e del 21% per le persone di età pari o superiore a 60 anni.

Le nostre stime suggeriscono che dimezzare i livelli di colesterolo non-HDL può essere associato a un ridotto rischio di eventi cardiovascolari all’età di 75 anni e che questa riduzione del rischio è maggiore quanto prima vengono ridotti i livelli di colesterolo“, afferma il professor Stefan Blankenberg, Centro tedesco di ricerca cardiovascolare, Germania.

Fonti:

https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(19)32519-X/fulltext