Le donne con colesterolo LDL molto basso hanno un rischio di ictus più elevato

Le donne con colesterolo LDL molto basso hanno un rischio di ictus più elevato
Tempo di lettura: 3 minuti

L’abbassamento del colesterolo a bassa densità di lipoproteine (LDL) riduce il rischio di infarti e ictus. Il loro valore ideale è intorno a 100 milligrammi per decilitro (mg / dL).

Ma può essere troppo basso?

Un nuovo studio rileva che le donne che hanno livelli di colesterolo LDL di 70 mg / dL o inferiori hanno più del doppio delle probabilità di avere un ictus emorragico rispetto alle donne con livelli di colesterolo LDL da 100 a 130 mg / dL.

Lo studio è stato pubblicato su Neurology®, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Il colesterolo LDL è chiamato colesterolo cattivo perché può causare accumuli di grasso nelle arterie.

Lo studio ha anche scoperto che le donne con livelli molto bassi di trigliceridi avevano un aumentato rischio di ictus emorragico rispetto a quelle con livelli più alti.

Gli ictus emorragici, sono molto meno comuni degli ictus ischemici, quando il flusso sanguigno viene bloccato al cervello.

Sono anche più difficili da trattare e quindi hanno più probabilità di essere mortali.

L’autrice della ricerca Pamela Rist, ScD, del Brigham and Women’s Hospital di Boston e membro dell’American Academy of Neurology dice che le strategie per abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi, come modificare la dieta o assumere statine, sono ampiamente utilizzate per prevenire le malattie cardiovascolari ma il loro studio dimostra che nelle donne livelli molto bassi possono anche comportare alcuni rischi.

Lo studio

Lo studio ha coinvolto 27.937 donne di età pari o superiore a 45 anni.

All’inizio della ricerca sono stati controllati colesterolo totale, colesterolo LDL, colesterolo HDL (high density lipoprotein), noto come colesterolo buono e trigliceridi.

Con una media di 19 anni di follow-up, i ricercatori hanno identificato 137 donne che hanno avuto un ictus emorragico.

Nove donne su 1.069 con valore di colesterolo di 70 mg / dL o inferiore, hanno avuto un ictus emorragico, rispetto a 40 donne su 10.067 con valore di colesterolo di 100 mg / dL fino a 130 mg / dL.

Dopo aver controllato altri fattori che avrebbero potuto influenzare il rischio di ictus, come età, abitudine al fumo, ipertensione e trattamento con farmaci che abbassano il colesterolo, i ricercatori hanno scoperto che quelle con colesterolo LDL molto basso avevano una probabilità 2,2 volte maggiore di avere un ictus sanguinante.

I trigliceridi

Per i livelli di trigliceridi, i ricercatori hanno diviso le donne in quattro gruppi.

I ricercatori hanno scoperto che 34 donne delle 5.714 con i livelli più bassi di trigliceridi avevano avuto un ictus sanguinante, rispetto a 29 donne delle 7.989 con i trigliceridi più alti.

Dopo aver controllato altri fattori che avrebbero potuto influenzare il rischio, i ricercatori hanno scoperto che quelle con i trigliceridi più bassi avevano il doppio delle probabilità di avere un ictus sanguinante. Nessuna differenza di rischio è stata trovata per il colesterolo totale o il colesterolo HDL.

Rist ha affermato che in base ai loro risultati le donne con colesterolo LDL molto basso o trigliceridi bassi dovrebbero essere monitorate dai loro medici per rischio di ictus.

La ricercatrice conclude dicendo che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare come ridurre il rischio di ictus emorragico nelle donne con LDL molto basse e bassi livelli di trigliceridi. Afferma anche che una limitazione dello studio era che i livelli di colesterolo e trigliceridi venivano misurati solo una volta all’inizio dello studio. Inoltre, un gran numero di donne aveva già raggiunto la menopausa quando sono stati misurati questi livelli, il che ha impedito ai ricercatori di esaminare se la menopausa possa influenzare il legame tra livelli di colesterolo e trigliceridi e ictus sanguinante.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health.

Fonti:

https://www.aan.com/PressRoom/Home/PressRelease/2714

https://n.neurology.org/content/early/2019/04/10/WNL.0000000000007454