Nessun beneficio di HDL-C sintetico sulla placca arteriosa

Nessun beneficio di HDL-C sintetico sulla placca arteriosa
Tempo di lettura: 3 minuti

Secondo una ricerca presentata alla 66° sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, l’iniezione di una nuova forma di colesterolo lipoproteico sintetico ad alta densità (HDL-C) nelle arterie di pazienti che avevano recentemente avuto un attacco di cuore non ha ridotto il volume di depositi di grassi o placca nelle arterie, rispetto alle iniezioni di placebo.

 

La sindrome coronarica acuta, o ACS, si verifica quando il flusso di sangue al cuore viene improvvisamente bloccato. Può assumere la forma di un attacco cardiaco o di angina instabile (un dolore toracico che può segnalare un attacco cardiaco imminente). Gli studi suggeriscono che circa il 12% dei pazienti con ACS avrà un ulteriore blocco del flusso sanguigno nel cuore entro un anno dalla prima manifestazione, nonostante l’assunzione di farmaci per la riduzione del rischio.

 

Trattamenti per diminuire rischi cardiovascolari

I trattamenti standard per diminuire il rischio di attacco cardiaco e ictus sono stati focalizzati sulla riduzione del livello di colesterolo LDL (LDL-C), noto come colesterolo “cattivo”, perché contribuisce allo sviluppo della placca nella fodera delle arterie, rendendole più strette, più rigide e più soggette ad essere bloccate da un coagulo di sangue.

 

Tuttavia, alcuni ricercatori hanno provato a sviluppare trattamenti per aumentare il colesterolo “buono” HDL (HDL-C). Gli studi suggeriscono infatti che livelli corretti di HDL-C possono proteggere da attacchi cardiaci e ictus, dovuti in parte al ruolo della HDL-C nell’eliminazione del colesterolo cattivo dalle arterie, riducendo così l’infiammazione e la prevenzione di coaguli nel sangue. Un basso livello di HDL-C, al contrario, è stato dimostrato aumentare il rischio di attacchi cardiaci e ictus.

 

HDL-C sintetico

Una strategia per aumentare i livelli di HDL-C è stata quella di creare HDL-C sintetico, che imita la struttura biologica e la funzione di HDL-C naturale. L’idea è che l’HDL-C sintetico, quando iniettato nel sangue, possa aiutare a ridurre i grassi e il colesterolo cattivo, riducendo il rischio di attacco cardiaco e di ictus.
CER-001 è una forma di HDL-C sintetico. Studi preliminari suggerivano che potesse aumentare la rimozione di LDL-C dalle arterie e che, nei pazienti con anormalità del colesterolo ereditario come l’ipercolesterolemia familiare, potesse ridurre la placca arteriosa.

 

“In generale, CER-001 è stato ben tollerato, ma non ha avuto alcun effetto rilevante sulla placca arteriosa rispetto alle iniezioni placebo” ha dichiarato Stephen Nicholls, MBBS, direttore del Centro di ricerca vascolare Presso l’Istituto australiano per la salute e la ricerca medica di Adelaide e l’autore principale dello studio, “ciò suggerisce che la CER-001 a basso dosaggio non sembra essere un agente efficace per i pazienti con sindrome coronarica acuta”.

 

Lo Studio

I ricercatori hanno selezionato 301 pazienti (età media circa 60 anni di cui l’80% maschi) che avevano un’arteria bloccata più del 30% da depositi di grasso. Sono stati esclusi pazienti con diabete incontrollato, livelli elevati di trigliceridi, insufficienza cardiaca o malattie epatiche o renali. Lo studio è stato condotto in Australia, Ungheria, Paesi Bassi e Stati Uniti.
Ai partecipanti alla prova sono stati assegnati a caso 10 infusioni settimanali di CER-100 o di un placebo.

Una e tre settimane dopo l’ultima infusione, sono stati sottoposti ad un secondo esame ad ultrasuoni della stessa arteria coronarica per misurare la variazione del volume dei depositi grassi (endpoint dello studio primario). Nicholls e i suoi colleghi hanno anche esaminato ulteriori misure di volume delle placche, livelli di colesterolo e sicurezza e tollerabilità.

 

I risultati hanno mostrato che l’endpoint primario è diminuito dello 0,41% nel gruppo placebo e dello 0,09% nel gruppo CER-001, una differenza statisticamente significativa. L’analisi dei principali endpoint secondari ha rivelato una riduzione del volume totale di 6,6 mm3 nel gruppo placebo e di 5,6 mm3 nel gruppo CER-001 e della regressione del volume percentuale di nel 57,7% dei pazienti trattati con placebo e nel 53,3% dei pazienti CER-001. Nessuno di questi risultati ha raggiunto il limite per la rilevanza statistica. I livelli di LDC-C sono diminuiti ugualmente nei gruppi CER-001 e placebo. I tassi di eventi avversi erano bassi e erano simili in entrambi i gruppi.

 

“Siamo delusi che la CER-001 a bassa dose non abbia mostrato un vantaggio in una popolazione di pazienti ad elevato rischio per un evento ACS”, ha dichiarato Nicholls. “Continueremo ad analizzare i dati per comprendere appieno i risultati del nostro studio e continueremo a cercare terapie efficaci che mirino a ridurre i rischi”.

 

Lo studio è stato finanziato da Cerenis Therapeutics, il produttore di CER-001.

 

Fonte:
http://www.alphagalileo.org/ViewItem.aspx?ItemId=173636&CultureCode=en