Presto la super valvola cardiaca, più sicura e più facile da impiantare

Presto la super valvola cardiaca, più sicura e più facile da impiantare
Tempo di lettura: 1 minuto

Una nuova valvola cardiaca sviluppata per ridurre o eliminare le complicazioni legate ai trapianti di cuore. E’ quanto hanno messo a punto dei ricercatori dell’Università della British Columbia (UCB).

Grazie all’utilizzo di nuovi biomateriali la valvola è più duratura delle precedenti e consente al cuore di adattarvisi più velocemente ed in modo più fluido.

A coordinare lo sviluppo è stato Hadi Mohammadi, direttore dell’Heart Valve Performance Laboratory (HVPL) della School of Engineering di UBC Okanagan.

Perché questa valvola è innovativa?

Una delle unicità di questa valvola è che può essere inserita in un paziente attraverso piccole incisioni evitando così di aprire il torace del paziente.

“Le attuali valvole cardiache transcatetere sono costituite da tessuti animali, il più delle volte da membrana del pericardio dal cuore di una mucca, e fino ad oggi hanno avuto solo un moderato successo – spiega Mohammadi – il problema principale è che possono portare a ostruzione coronarica e danno renale acuto”.

La nuova valvola risolve questo problema utilizzando materiali innovativi, nello specifico nanocompositi di derivazione naturale.

Le due caratteristiche vincenti di questa valvola sono quindi l’utilizzo di questo nuovo materiale altamente biocompatibile e la natura non invasiva che permette di evitare operazioni impegnative.

Quando la valvola sarà a disposizione dei pazienti

Ora la valvola sarà sottoposta a test energici per perfezionare la composizione e il design del materiale. Il test includerà simulatori del cuore umano e studi animali in vivo. In caso di conferme positive da questi test, la valvola passerà quindi ai test clinici sui pazienti.

“Questa valvola ha tutto il potenziale per diventare il nuovo standard nella sostituzione della valvola cardiaca e per fornire una soluzione più sicura a più lungo termine per molti pazienti” conclude Dylan Goode, ricercatore laureato presso la HVPL

Fonti:

https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/0954411919837302

news.ok.ubc.ca