Scoperto un gene che condiziona il recupero da un ictus

Scoperto un gene che condiziona il recupero da un ictus
Tempo di lettura: 2 minuti

Un nuovo studio suggerisce che le persone senza un determinato gene potrebbero guarire meglio da ictus e altre lesioni cerebrali traumatiche.

Il gene – chiamato CCR5 – è lo stesso gene al centro della recente polemica sui bambini CRISPR, in cui uno scienziato cinese ha modificato il gene di due embrioni per rendere i bambini resistenti all’HIV.

Le persone che non hanno il gene CCR5 mostrano resistenza all’HIV – e infatti, un farmaco dell’HIV chiamato Maraviroc agisce bloccando il recettore CCR5.

Lo studio

Nel nuovo studio, pubblicato sulla rivista Cell, i ricercatori hanno scoperto che quando davano il Maraviroc ai topi per bloccare i loro recettori CCR5, aumentavano il controllo e la mobilità  degli arti. Anche se i topi non hanno avuto l’ictus, le scoperte potrebbero far luce sulla malattia perché le persone che hanno avuto un ictus possono sperimentare difficoltà nel movimento e nel controllo di parti del loro corpo.

Dai topi all’uomo

Ma solo perché qualcosa ha un effetto sugli animali non significa che avrà lo stesso identico effetto negli esseri umani. Per verificare il ruolo del gene CCR5 nell’uomo e nel recupero dell’ictus, i ricercatori hanno collaborato con scienziati israeliani dell’Università di Tel Aviv che stavano già monitorando i recuperi di circa 450 pazienti che avevano avuto un ictus lieve o moderato.

Molti di questi pazienti non avevano il gene CCR5, ha detto l’autore senior Dr. Thomas Carmichael, professore e presidente di neurologia all’Università della California, a Los Angeles.

Come sospettato, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti a cui  mancava il gene sembravano essere in grado di riprendersi meglio, sia fisicamente – in termini di controllo del movimento – che mentalmente, con miglioramenti della memoria, della funzione verbale e dell’attenzione, rispetto ai pazienti con il gene.

Carmichael ha detto che una possibile spiegazione per i risultati è che la mancanza del gene CCR5 impedisce la perdita delle connessioni delle cellule cerebrali situate vicino al sito dell’ictus e stimola anche nuove connessioni in aree più distanti del cervello. Viceversa, il cervello dei pazienti che hanno il gene può avere una ridotta capacità di cambiare e riorganizzarsi.

La dott.ssa Heidi Schambra, direttore della neuro-epidemiologia presso la NYU Langone Health, che non faceva parte dello studio, ha affermato che “i risultati suggeriscono un nuovo approccio per promuovere il recupero dopo l’ictus e trauma cranico“. Ma per Maraviroc per usarlo come trattamento per il recupero dei pazienti colpiti da ictus, deve prima passare attraverso una sperimentazione clinica.

In effetti, i ricercatori stanno ora avviando uno studio clinico di fase 2 per rispondere a questa domanda.

Un gene che influenza anche i ricordi

Sebbene un’assenza di CCR5 possa sembrare una buona cosa, il gene potrebbe conferire alcuni benefici”, ha detto Carmichael. La ricerca passata, per esempio, ha suggerito che svolge un ruolo importante nella formazione dei ricordi.

I ricordi si formano quando gruppi di cellule cerebrali si collegano seguendo uno stimolo. Per fermare la formazione di memoria, CCR5 dice a quel gruppo di cellule di non collegarsi con un certo stimolo. Se entri nella tua cucina e rompi un uovo in una padella, “vuoi ricordare che l’hai fatto ma non vuoi che quel ricordo si colleghi anche al forte rumore che proviene dal cortile”. Ecco dove si pensa che entri in gioco CCR5.

Carmichael ha sottolineato che gli effetti – positivi o meno – potrebbero influenzare molto più del sistema immunitario.

Fonti:

https://www.cell.com/cell/fulltext/S0092-8674(19)30107-2