Cuore: la prevenzione dopo la menopausa

Cuore: la prevenzione dopo la menopausa
Tempo di lettura: 2 minuti

 

Con la menopausa la salute del cuore è più vulnerabile: aumenta l’incidenza di eventi cardiovascolari come infarto e ictus.  

La prevenzione della donna superati i 50-55 anni deve quindi cambiare per proteggere il cuore e la salute. Tra i vari motivi che portano ad un rischio cardiovascolare maggiore sarebbe quello che un maggior volume di grasso che si forma intorno al cuore è associato anche un maggior rischio di calcificazione delle coronarie, segno precoce di malattia cardiaca. (per approfondire leggi l’articolo: “Rischio cardiovascolare in menopausa, attenzione al grasso intorno al cuore!”)

In che modo bisogna bisogna proteggere il cuore?

La Dott.ssa Maddalena Lettino spiega in che modo bisogna proteggere il cuore dando degli utili consigli.

  • Girovita: obiettivo 80 cm. È solito l’aumento di peso delle donne entrate in menopausa, infatti aumenta la quota di calorie convertita in grasso e cambia anche la distribuzione del grasso, con gli accumuli che tendono a concentrarsi negli spazi viscerali. Questo tipo di grasso causa un aumento del rischio cardiovascolare. Pertanto è importante perdere il peso in eccesso e provare a ridurre il girovita arrivando ad 80 cm.
  • Fare più attività fisica. Le linee guida internazionali suggeriscono 150 minuti di attività fisica aerobica a intensità moderata ogni settimana: quindi camminare, correre, nuotare, andare a ballare, andare in bici, sono tutti ottimi passatempi che permettono di dare importanti benefici alla salute, anche delle ossa e del metabolismo.
  • Meno sale in cucina. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda un consumo giornaliero inferiore ai 5 grammi al giorno. Per dare un’idea più chiara, sono all’incirca quelli contenuti in un cucchiaino da tè. Bisogna dunque diminuire il condimento degli alimenti. (Per approfondire leggi: “Lezioni di cucina per una dieta con meno sale”)
  • Alimentazione corretta. Sempre per quanto riguarda il mondo della cucina, bisogna seguire una sana alimentazione: quindi 4-5 porzioni al giorno di frutta e verdura di stagione, preferire carni bianche alle rosse, mangiare pesce azzurro, preferire i cereali integrali alle farine raffinate e i prodotti caseari a basso contenuto di grassi.
  • Non fumare e poco alcool
  • Fare terapie ormonali sostitutive solo per motivi ginecologici. La terapia può essere effettuata solo se indicata da un punto di vista clinico per ragioni ginecologiche e di benessere generale, e non a scopo protettivo per il cuore.
  • Le visite periodiche non fanno male! Controllare periodicamente i livelli di colesterolo e della pressione arteriosa.