Diabete e colesterolo: ecco quando è utile aiutarsi con i probiotici

Diabete e colesterolo: ecco quando è utile aiutarsi con i probiotici
Tempo di lettura: 1 minuto

Ci sono alcuni integratori, come quelli contenenti i probiotici, che stanno avendo un’importante fioritura in Italia e potrebbero avere diversi impieghi nel sostegno al trattamento di varie condizioni: dal colesterolo al diabete.

Probiotici: possono avere un ruolo nel trattamento di colesterolo alto e diabete? 

Per quanto riguarda il colesterolo, la ricerca propone una valida alternativa naturale alle statine se non si hanno valori ottimali: si tratta della Monacolina K, principio attivo del riso rosso fermentato.

Recenti ricerche spiegano infatti che la Monacolina K, in combinazione con i probiotici, può avere un risultato ancora più efficace in quanto i secondi possono svolgere un’azione complementare riducendo significativamente l’assorbimento intestinale del colesterolo.

È tuttavia importante consumare nutraceutici prodotti con un’alta qualità farmaceutica e corredati da studi clinici che dimostrano la loro efficacia e sicurezza.

Per quanto riguarda invece il diabete di tipo 2, se i fattori di rischio di svilupparlo sono sfumati o assenti potrebbe essere valido anche in questo caso l’uso dei probiotici.

In questo video esprime la sua opinione in merito Guido Pozza, professore emerito di clinica medica, Università Vita e Salute San Raffaele.

Fonti:
https://www.sciencedaily.com/releases/2003/09/030909070840.htm
Ministero della Salute » http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_1268_listaFile_itemName_4_file.pdf
Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare » http://www.efsa.europa.eu/it/efsajournal/pub/3327
http://www.recentiprogressi.it/r.php?v=2865&a=28917&l=333358&f=allegati/02865_2018_02/fulltext/20_Cicero%20only%20web.pdf
Efficacy and safety of Monascus purpureus Went rice in subjects with hyperlipidemia
https://www.sciencedaily.com/releases/2003/09/030909070840.htm