Esiste un indicatore per valutare il rischio cardiovascolare?

0
518
Esiste un indicatore per valutare il rischio cardiovascolare?

 

Il rischio cardiovascolare globale assoluto è un indicatore che permette di valutare la probabilità di andare incontro a un primo evento cardiovascolare maggiore nei successivi 10 anni sulla base del livello dei principali fattori di rischio.

I fattori di rischio cardiovascolare

Si dividono in due gruppi:

  • non modificabili (età, sesso e familiarità)
  • modificabili.

Tra i fattori modificabili ci sono:

  • il fumo, in quanto la nicotina accelera il battito cardiaco;
  • la pressione arteriosa, che accelera la formazione di aterosclerosi;
  • la colesterolemia totale, cioè la concentrazione del colesterolo nel plasma;
  • il livello di colesterolo HDL, ossia quello buono;
  • il diabete che, se non controllato in modo corretto favorisce l’aterosclerosi.

Il colesterolo e il rischio cardiovascolare

Il livello di colesterolo cattivo (LDL) è uno dei fattori da prendere in considerazione per determinare il rischio cardiovascolare, ma bisogna ricordare che le cause della malattia cardiovascolare sono multifattoriali: il suo valore viene stimato per ogni individuo a partire dai principali fattori di rischio presenti.

(Per sapere di più sul colesterolo buono e cattivo leggi “La carta d’identità del colesterolo”).

Come si valuta il rischio?

La valutazione del rischio cardiovascolare globale assoluto è stato uno degli obiettivi del progetto CUORE, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanitàche ha introdotto due importanti strumenti: la carta e il punteggio.

La carta del rischio cardiovascolare

Si tratta di una serie di tabelle e suggerimenti che servono a stimare la probabilità di andare incontro a un primo evento cardiovascolare maggiore (infarto del miocardio o ictus) nei 10 anni successivi, conoscendo il valore di sei fattori di rischio:

  • sesso,
  • diabete,
  • abitudine al fumo,
  • età,
  • pressione arteriosa sistolica,
  • colesterolemia.

Come utilizzare la carta

Per utilizzare la carta bisogna prima posizionarsi nella zona fumatore/non fumatore, collocarsi poi sul livello corrispondente a pressione arteriosa sistolica e colesterolemia. Infine, dopo aver identificato il proprio colore, leggere nella legenda il livello di rischio.

 

Donna Non Diabetica

Donna Diabetica

Uomo Non Diabetico

Uomo Diabetico

 

Le carte del rischio sono on-line sul sito del Progetto Cuore .

Per scaricare il PDF clicca qui: http://www.cuore.iss.it/valutazione/carte-pdf.pdf

Il punteggio individuale

Il punteggio individuale permette una valutazione del rischio più accurata (tiene conto dei valori continui invece che in classi): oltre ai fattori di rischio considerati nelle carte, tiene conto anche del valore della colesterolemia HDL e della prescrizione di farmaci antipertensivi.

Inoltre è applicabile a persone di età compresa fra 35 e 69 anni.

Il calcolo del punteggio individuale deve essere effettuato dal medico.

 Fonti:

http://www.giornaledicardiologia.it/allegati/00699_2006_05/fulltext/05-06_06%20359-364.pdf

http://www.cuore.iss.it/

http://www.cuore.iss.it/valutazione/valutazione.asp

http://www.cuore.iss.it/valutazione/carte.asp