In menopausa il colesterolo HDL potrebbe non essere sempre “buono”

In menopausa il colesterolo HDL potrebbe non essere sempre “buono”
Tempo di lettura: 4 minuti

I fattori postmenopausali possono avere un impatto negativo sulle qualità protettive del cuore delle lipoproteine ad alta densità (HDL), noto anche come “colesterolo buono”.

Ecco il risultato dello studio condotto dai ricercatori della Graduate School of Public Health dell’Università di Pittsburgh e pubblicato su “Ateriosclerosi, trombosi e biologia vascolare”, un giornale dell’associazione americana del cuore (AHA).

Il colesterolo HDL potrebbe non essere sempre “buono” 

I risultati indicano che questo specifico tipo di colesterolo nel sangue potrebbe non tradursi in un rischio ridotto di malattie cardiovascolari nelle donne anziane e questo mette in discussione l’attuale uso del colesterolo HDL in un’equazione comune progettata per prevedere il rischio di malattie cardiache, in particolare per le donne.

Colesterolo: la differenza tra buono (HDL) e cattivo (LDL)

Il colesterolo è una sostanza a base di olio e non si mescola con il sangue, che è a base d’acqua. Viene trasportato nel corpo attraverso il sangue dalle lipoproteine.

Sono due i tipi di lipoproteine ​​che portano i pacchi del colesterolo:

  • Lipoproteina a bassa densità (LDL) – il colesterolo trasportato da questo tipo è noto come colesterolo “cattivo”,
  • Lipoproteina ad alta densità (HDL) – il colesterolo trasportato da questo tipo è noto come colesterolo “buono”.

L’importanza del colesterolo buono e le sue funzioni per la nostra salute 

Il colesterolo HDL ha quattro funzioni primarie senza le quali non possiamo sopravvivere:

  • contribuisce alla struttura delle pareti cellulari,
  • forma acidi biliari digestivi nell’intestino,
  • permette al corpo di produrre vitamina D,
  • consente al corpo di produrre determinati ormoni.

Ricerche precedenti hanno dimostrato inoltre le sue caratteristiche di protezione del cuore, infatti trasporta i grassi lontano dal cuore, riduce l’accumulo di placca e abbassa il potenziale di malattie cardiovascolari.

Il colesterolo buono ed il rischio di malattie cardiache nelle donne in menopausa, le considerazioni 

Tuttavia il nuovo studio spiega come il colesterolo buono potrebbe nascondere un rischio di malattie cardiache nelle donne in menopausa. Spiega l’autore principale Samar R. El Khoudary, professore associato in Dipartimento di Epidemiologia di Pitt Public Health:

“I risultati del nostro studio sono particolarmente interessanti sia per il pubblico che per i medici perché il colesterolo totale HDL è ancora usato per predire il rischio di malattie cardiovascolari. Questo studio conferma il nostro precedente lavoro su un diverso gruppo di donne e suggerisce che i medici debbano dare un’occhiata più da vicino al tipo di HDL nelle donne di mezza età e più anziane, perché avere il colesterolo HDL alto potrebbe non essere sempre protettivo nelle donne in postmenopausa. Potrebbe infatti mascherare un rischio significativo di malattie cardiache che dobbiamo ancora capire“.

Dettagli dello studio e risultati: l’alterazione delle particelle di HDL

Il team di El Khoudary ha esaminato 1.138 donne di età compresa tra 45 e 84 arruolate negli Stati Uniti nello studio multietnico di aterosclerosi (MESA), uno studio di ricerca medico sponsorizzato dall’Istituto nazionale del cuore, del polmone e del sangue del National Institutes of Health (NIH). La MESA è iniziata nel 1999 e segue ancora oggi i partecipanti.

Lo studio sottolinea che la misura tradizionale del colesterolo buono non riesce a rappresentare in modo accurato il rischio di malattie cardiache per le donne in postmenopausa.

Le donne in menopausa. Le donne sono soggette a una serie di cambiamenti fisiologici nei loro ormoni sessuali, nei lipidi, nella deposizione di grasso corporeo e nella salute vascolare mentre attraversano la menopausa. Gli autori stanno ipotizzando che la diminuzione di estrogeni, un ormone sessuale protettivo da cardio, insieme ad altri cambiamenti metabolici, può causare infiammazione cronica nel tempo, che può alterare la qualità delle particelle di HDL.

Il colesterolo buono non è sempre cardio-protettivo, le considerazioni

“Abbiamo assistito a una relazione inaspettata tra colesterolo HDL e donne in postmenopausa in studi precedenti, ma non l’abbiamo mai esplorata approfonditamente“, ha detto El Khoudary. Il suo studio ha esaminato due misurazioni specifiche di HDL per trarre la conclusione che il colesterolo HDL non è sempre cardio-protettivo per le donne in postmenopausa, o non è “buono” come previsto.

Sono stati osservati il ​​numero e la dimensione delle particelle di HDL e il colesterolo totale trasportato da tali particelle. Lo studio ha anche esaminato l’età in cui le donne passavano alla postmenopausa e come la quantità di tempo trascorso dalla transizione ha influito sulle associazioni cardio-protettive previste per le misure HDL.

L’associazione dannosa di colesterolo HDL alto con rischio di aterosclerosi era più evidente nelle donne con età avanzata in menopausa, che erano in post menopausa da almeno 10 anni.

Inoltre le grandi particelle di HDL sono collegate ad un rischio maggiore di malattie cardiovascolari vicino alla menopausa. Durante questo periodo, la qualità dell’HDL può essere ridotta, aumentando la possibilità per le donne di sviluppare aterosclerosi o malattie cardiovascolari.

Man mano che le donne si allontanano dalla loro transizione, la qualità dell’HDL può essere ripristinata, rendendo di nuovo il buono colesterolo cardio-protettivo.

“Identificare il metodo adeguato per misurare l’HDL attivo” buono” è fondamentale per capire la vera salute cardiovascolare di queste donne”, ha affermato l’autore senior Matthew Budoff, del Los Angeles Biomedical Research Institute.

Nel futuro

El Khoudary ha recentemente ricevuto finanziamenti dal National Institute on Aging per espandere questo lavoro di ricerca. Il suo obiettivo è quello di continuare a comprendere il legame tra la qualità del colesterolo buono rispetto alla transizione della menopausa e il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne più avanti con l’età.

Cerca anche di esaminare i meccanismi biologici che contribuiscono al cambiamento di qualità del colesterolo buono, in modo che il contributo cardio-protettivo del colesterolo buono alla salute delle donne in postmenopausa possa essere chiarito, il che influirebbe sulle linee guida per lo screening e il trattamento.

Fonti:
http://atvb.ahajournals.org/content/early/2018/07/18/ATVBAHA.118.311017
http://www.upmc.com/media/NewsReleases/2018/Pages/el-khoudary-hdl.aspx