Ipertensione: un killer silenzioso

Ipertensione: un killer silenzioso
Tempo di lettura: 2 minuti

La pressione alta è stata definita un “killer silenzioso” perchè spesso è asintomatica ma nel mondo causa otto milioni di decessi all’anno.

In Italia 1 su 3 ha elevati livelli di pressione ma non sempre ne è consapevole.

La pressione arteriosa

La pressione arteriosa è la forza esercitata dal sangue contro la parete delle arterie. A ogni battito del cuore, il sangue esce dal ventricolo sinistro attraverso la valvola aortica, passa nell’aorta, e si diffonde a tutte le arterie.  Quando il cuore si contrae e il sangue passa nelle arterie, si registra la pressione arteriosa più alta, detta ‘sistolica’ o ‘massima’; tra un battito e l’altro  il cuore si riempie di sangue e all’interno delle arterie si registra la pressione arteriosa più bassa, detta ‘diastolica’ o ‘minima’.

Quali sono i valori ottimali?

Consigli per mantenere la pressione nella norma

Ci sono diversi accorgimenti che possiamo integrare nella nostra vita che aiutano a mantenere i livelli della pressione nella norma, tra cui:

  • Avere un’alimentazione sana e variegata ricca di frutta e verdura fresca
  • limitare il sale
  • non fumare
  • mantenere il peso ideale
  • svolgere una costante attività fisica (anche moderata)
  • evitare l’alcool
  • gestione dello stress

Quali sono i sintomi di ipertensione?

Tra i sintomi più comuni, se presenti, segnaliamo:

  •  vertigini
  •  palpitazioni
  •  mal di testa 
  •  nervosismo e stanchezza
  •  disturbi visivi
  •  ronzii nelle orecchie
  •  perdite di sangue dal naso
  •  aritmie cardiache

Perchè è importante tenerla sotto controllo

Più alta è la pressione arteriosa, maggiore è il rischio di danni al cuore o ai vasi sanguigni in organi fondamentali come il cervello e i reni. Se non controllata può portare a:

  • ictus, 
  • infarto del miocardio,
  • aneurismi, 
  • arteriopatie periferiche
  • insufficienza renale cronica
  • la retinopatia
  • malattie legate all’invecchiamento (disturbi della memoria, disabilità)

Il Consiglio

Il dato allarmante è che nonostante sia la principale causa di morte al mondo 15 milioni di italiani ne soffre ma circa la metà di questi ne è consapevole.

E’ importante dunque fare dei controlli preventivi facendosi misurare la pressione dal proprio medico o dal farmacista.

Fonte:

Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation and Treatment of High Blood Pressure