La chiave per avere un cuore in salute per tutta la vita sta nell’infanzia

La chiave per avere un cuore in salute per tutta la vita sta nell’infanzia
Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo un documento di revisione pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology le sane abitudini negli adulti sono radicate negli ambienti in cui viviamo nella prima infanzia.

La malattia cardiovascolare è la prima causa di morte in tutto il mondo e molti dei fattori di rischio associati sono comportamenti modificabili.

 

Lo studio

In questo documento di revisione, gli autori descrivono il futuro della promozione della salute e in particolare affrontano tre aree di interesse: i motivi per cui i bambini dovrebbero essere al centro della promozione della salute; strategie per la promozione della salute nei bambini insieme agli sforzi legislativi e lacune nella ricerca.

Grazie all’elasticità del cervello umano durante l’infanzia, questo periodo rappresenta una finestra di opportunità per instillare abitudini salutari durature per tutta la vita, quindi prevenire lo sviluppo futuro di malattie cardiovascolari“, ha detto Fuster, autore principale. “Educando alla promozione della salute nelle prime fasi della vita, potremmo ridurre la possibilità di sviluppare altre malattie“.

 

Fattori di rischio modificabili

I fattori di rischio modificabili nei bambini e negli adolescenti includono il fumo, l’obesità, l’attività fisica e una dieta non sana, così come il colesterolo alto, l’ipertensione e l’ipoglicemia. La ricerca ha dimostrato che meno dell’1% dei bambini ha abitudini alimentari ideali e solo il 50% circa degli adolescenti svolge l’ attività fisica raccomandata.

Tuttavia, la ricerca ha anche dimostrato che i bambini con abitudini malsane che adottano abitudini sane prima dell’età adulta hanno esiti di salute simili a quelli che non sono mai stati insalubri.

 

Cosa bisognerebbe fare?

Secondo i ricercatori, per cambiare in modo efficace le abitudini di salute dei bambini, dobbiamo usare un approccio educativo multicomponente che coinvolga la loro famiglia e i loro insegnanti. Nella revisione, vengono discusse diverse strategie per iniziative scolastiche, interventi a livello di comunità , legislazione e iniziative di politica pubblica.

Infine, gli autori affrontano le  lacune nella ricerca che potrebbero influenzare il successo degli interventi di promozione della salute nei bambini, compresa la mancanza di ricerche su come le tensioni familiari e le questioni emotive associate allo status socioeconomico possano influenzare abitudini malsane.

L’integrazione di approcci scolastici, familiari e basati sulla comunità, insieme ad un ampio sostegno in più settori attraverso l’attuazione di politiche pubbliche, è probabilmente necessaria per il successo dei programmi di promozione della salute nei bambini“, ha detto Fuster. “Tuttavia, gli studi di ricerca a lungo termine e su larga scala devono stabilire la loro efficacia nel ridurre i fattori di rischio cardiovascolare e le malattie nell’età adulta“.

Fonti:
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0735109718389083?via%3Dihub