Le statine: alleate contro il colesterolo ma nemiche del corpo?

Le statine: alleate contro il colesterolo ma nemiche del corpo?
Tempo di lettura: 2 minuti

 

Gli effetti collaterali delle statine condizionano spesso il buon esito della  cura dell’ipercolesterolemia legata al colesterolo cattivo (lipoproteine ​​a bassa densità-LDL).

Questo è ciò che emerge anche nella ricerca pubblicata sull’European Journal of Cardiology PreventiveNon si può infatti sostenere che una cura funzioni al 100% se da effetti collaterali molto dolorosi e debilitanti.

Il progetto di prevenzione

Da questa considerazione è nato il Progetto di Prevenzione NOR-COR con la  collaborazione degli ospedali Drammen e Vestfold e il Dipartimento di Scienze Comportamentali in Medicina e Istituto di Medicina Clinica dell’Università di Oslo. Si sta studiando il perché i pazienti, dopo che hanno avuto una complicanza cardiovascolare, non riescano a controllare i fattori di rischio, inclusi i valori del colesterolo e la pressione sanguigna. Questa analisi ha quindi esaminato i motivi per cui i pazienti cardiaci non raggiungono gli ottimali livelli di colesterolo LDL.

Lo studio

Lo studio ha incluso 1.095 pazienti ricoverati in ospedale a seguito di attacchi coronarici o operazioni al cuore (bypass dell’arteria coronarica o stent coronarico) che sono stati identificati dai registri medici in due ospedali Norvegesi (Drammen e Vestfold). Le informazioni socio-demografiche, mediche e psicosociali sono state raccolte tramite un questionario interdisciplinare di auto-segnalazione, esami clinici e campioni di sangue mentre i pazienti sono stati controllati  dopo due e 36 mesi.

Le linee guida europee suggeriscono come parametro di colesterolo LDL nel sangue meno di 1,8 mmol / l, ma  ma solo uno su cinque pazienti cardiaci che prendono farmaci che riducono i lipidi riescono a stare sotto questo parametro“, ha affermato il Dr. John Munkhaugen, un tirocinante cardiologico e ricercatore post-dottorato dell’ospedale Drammen, in Norvegia.

Gli effetti collaterali della statina

Gli effetti collaterali specifici della statina (principalmente dolori muscolari e problemi gastrointestinali) e il basso dosaggio delle statine erano le principali ragioni per cui non si riusciva a raggiungere l’obiettivo.

I pazienti con effetti collaterali infatti avevano probabilità  tre volte maggiore di non raggiungere l’obiettivo di abbassare il colesterolo rispetto a quelli senza effetti collaterali ( 62%).  “I pazienti che provano effetti collaterali sono probabilmente più propensi a ridurre o terminare l’uso della statina, o il loro medico può prescrivere un farmaco più debole o toglierle totalmente“, ha detto “Non prendendo la quantità prescritta di statine o qualora fosse assunta una statina più debole, il corpo non ha un adeguato apporto per poter abbassare il Colesterolo LDL“, ha detto il dottor Munkhaugen.

In futuro

Interventi per migliorare l’assunzione delle statine sono stati una priorità negli ultimi anni, ma il successo è stato modesto e di breve durata” e il dottor Munkhaugen ha dichiarato: “La relazione tra la quantità di statine e gli effetti collaterali deve essere chiarita prima di qualsiasi prescrizione. I nostri risultati indicano la necessità di ulteriori ricerche con l’obiettivo di avere  potenti statine con pochi e limitati effetti collaterali “.

 

Fonti:

https://www.escardio.org/The-ESC/Press-Office/Press-releases/statin-side-effects-are-strongest-predictor-of-failure-to-meet-cholesterol-targets?hit=wireek

Munkhaugen J. et all., Medical and psychosocial factors and unfavourable low-density lipoprotein cholesterol control in coronary patients. European Journal of Preventive Cardiology, 2017.

 

 

2 risposte a Le statine: alleate contro il colesterolo ma nemiche del corpo?