Non bisogna demonizzare il colesterolo

Non bisogna demonizzare il colesterolo

Tutti abbiamo sentito parlare dei “livelli di colesterolo” (https://menocolesterolo.it/prenditi-a-cuore/quali-sono-i-valori-ideali-di-colesterolo-buono-e-cattivo/) e dei pericoli del colesterolo alto nel sangue, che è una delle principali cause di malattie cardiovascolari https://menocolesterolo.it/prenditi-a-cuore/colesterolo-importanza-di-tenerlo-sotto-controllo/

Ma oltre ai dannosi effetti collaterali del colesterolo alto, il colesterolo è un componente essenziale di tutte le cellule e fondamentale per una serie di importanti funzioni del corpo

Le funzioni benefiche del colesterolo

Il colesterolo ha quattro funzioni primarie senza le quali non potremmo sopravvivere:

  • contribuisce alla struttura delle pareti cellulari,
  • forma acidi biliari digestivi nell’intestino,
  • permette al corpo di produrre vitamina D,
  • consente al corpo di produrre determinati ormoni,come gli estrogeni e il testosterone 

Come il colesterolo è integrato nelle cellule

È noto da tempo che il colesterolo viene trasportato nel corpo dal sangue come piccole particelle costituite da grasso e proteine. Nelle cellule del corpo, queste particelle vengono scomposte e il colesterolo viene rilasciato e integrato come parte della cellula. Sebbene questo processo sia essenziale, non solo per gli esseri umani, ma per tutti gli animali e le piante, sorprendentemente poco si sa su come il colesterolo sia effettivamente incorporato nelle cellule dopo la rottura di queste particelle.

Negli ultimi anni, l’interesse per l’integrazione e l’incorporazione del colesterolo – e non da ultimo come viene regolato questo processo – è cresciuto enormemente. Ciò è in parte dovuto all’enorme potenziale farmaceutico nella regolazione di questo processo, come dimostrato dai farmaci che regolano l’assorbimento del colesterolo dal cibo. Inoltre, è stato dimostrato che molti virus, incluso l’Ebola, usano lo stesso processo per infettare le cellule.

Negli ultimi cinque anni, ricercatori dell’Università di Aarhus hanno collaborato con ricercatori dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Università di Leeds per studiare come il colesterolo sia incorporato nelle cellule, usando metodi biologici biofisici e strutturali.

La doppia origine del colesterolo

Il colesterolo ha una doppia origine:

  • esogeno, cioè introdotto dall’alimentazione,
  • endogeno, cioè prodotto all’interno del nostro organismo.

Quindi un livello alto di colesterolo non dipende solo da ciò che si mangia, ma anche dalla produzione del nostro organismo. Il nostro fegato infatti sintetizza circa il 70% del colesterolo endogeno.

Il colesterolo esogeno: proviene dall’alimentazione

Vediamo gli alimenti da evitare per tenere sotto controllo il colesterolo esogeno

  • Grassi di origine animale, come la besciamella, la panna, il burro, il lardo, lo strutto, la pancetta, il ragù, la maionese e la margarina. Lo stesso vale anche per il gelato, il semifreddo e tutti i dolci con panna, burro o uova.
  • Salumi, come salame, mortadella, coppa e pancetta.
  • Molluschi e crostacei.
  • Cibi fritto.
  • Formaggi stagionati.

Il colesterolo endogeno: proviene dal nostro organismo

Come fare ad agire direttamente sulla sintesi e sull’ossidazione del colesterolo?

Uno dei rimedi naturali è rappresentato dal riso rosso fermentato, che contiene la Monacolina K. La struttura della Monacolina K è infatti in grado di inibire l’enzima chiave della biosintesi del colesterolo riducendo il colesterolo LDL in modo naturale.

Recenti ricerche spiegano inoltre che la  Monacolina K, se combinata con i probiotici, può potenziare i benefici della riduzione del colesterolo. Si agisce in due modi:

  • Il riso rosso fermentato, grazie alla Monacolina K che contiene, riduce la sintesi endogena del colesterolo nel fegato.
  • I probiotici riducono l’assorbimento del colesterolo proveniente dal cibo nell’intestino.

Per queste evidenze scientifiche si consiglia un integratore per colesterolo che combini entrambi i componenti.

Fonti:

https://www.cell.com/cell/fulltext/S0092-8674(19)30957-2?_returnURL=https%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS0092867419309572%3Fshowall%3Dtrue