Problemi cardiaci: la musica come medicina

Problemi cardiaci: la musica come medicina

Una nuova ricerca ha dimostrato che ascoltare musica per 30 minuti al giorno riduce l’ansia, il dolore e i successivi problemi cardiaci a chi ha avuto un infarto.

Ascoltare la musica fa anche bene al tuo cuore

Secondo uno studio presentato American College of Cardiology’s Annual Scientific Session Together i pazienti che hanno subito episodi di dolore toracico subito dopo un infarto, noti come angina, avevano livelli significativamente più bassi di ansia e dolore se ascoltavano musica per 30 minuti al giorno,

Quasi 700.000 persone sopravvivono ad un attacco di cuore negli Stati Uniti ogni anno e si stima che circa 1 su 9  sperimentino episodi successivi di dolore toracico e ansia entro le prime 48 ore. La nuova ricerca suggerisce che la musica, combinata con terapie standard come i farmaci, potrebbe essere una misura semplice e accessibile che i pazienti possono fare a casa per ridurre potenzialmente questi sintomi e aiutare a prevenire i successivi eventi cardiaci.

Ci sono stati pochissimi studi che analizzano gli effetti della musica sulle condizioni cardiache”, ha affermato Predrag Mitrovic, MD, PhD, professore di cardiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Belgrado e autore principale dello studio. “In base ai nostri risultati, riteniamo che la musicoterapia possa aiutare tutti i pazienti dopo un attacco cardiaco. È anche un metodo molto facile ed economico da implementare”.

Lo studio su 350 pazienti

I ricercatori hanno reclutato 350 pazienti con diagnosi di infarto e angina post-infarto presso un centro medico in Serbia. La metà ha ricevuto un trattamento standard mentre l’altra metà è stata sottoposta a sessioni musicali regolari oltre al trattamento standard. Per la maggior parte dei pazienti, il trattamento standard includeva una varietà di farmaci come nitrati, aspirina, farmaci che prevengono la formazione di coaguli, beta-bloccanti, statine, bloccanti dei canali del calcio, farmaci per abbassare la pressione sanguigna e ranolazina che riduce l’angina. 

Ognuno ha la sua musica preferita

È stato fatto un test per determinare a quale genere musicale il loro corpo rispondesse positivamente. Mentre i partecipanti ascoltavano nove campioni di musica di 30 secondi  i ricercatori hanno valutato il corpo di ciascun partecipante per le risposte automatiche in base alla dilatazione o al restringimento delle pupille. I ricercatori hanno quindi perfezionato la selezione lavorando con il paziente per determinare il tempo e la tonalità della musica ottimali.

Ai partecipanti è stato chiesto di ascoltare la selezione musicale designata per 30 minuti ogni giorno con gli occhi chiusi

I pazienti hanno continuato con queste sessioni di ascolto quotidiane per sette anni, documentando le loro sessioni in un registro. Sono tornati al centro medico per le valutazioni di follow-up ogni tre mesi per il primo anno e successivamente ogni anno.

Alla fine di sette anni, la musicoterapia è risultata più efficace rispetto al solo trattamento standard in termini di riduzione dell’ansia e della sensazione di dolore. 

I pazienti con musicoterapia, in media,aveva un punteggio d’ansia inferiore di un terzo rispetto a quelli in trattamento standard e hanno riportato sintomi di angina più bassa di circa un quarto. 

Questi pazienti presentavano anche tassi significativamente più bassi di alcune condizioni cardiache, inclusa:

  • Una riduzione del 18% nella frequenza dell’insufficienza cardiaca; 
  • Tasso inferiore del 23% di infarto successivo; 
  • 20% in meno di necessità di intervento chirurgico per innesto di bypass dell’arteria coronaria;
  • 16% più basso tasso di morte cardiaca.

Perché la musica funziona

Mitrovic ha affermato che la musica può funzionare aiutando a contrastare l’attività del sistema nervoso simpatico, la parte del sistema nervoso che guida la risposta di “lotta o fuga” quando una persona si trova in una situazione stressante. Quando si è stressati aumenta la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, il che può mettere a dura prova il sistema cardiovascolare.

L’ansia non alleviata può produrre un aumento dell’attività del sistema nervoso simpatico, portando ad un aumento del carico di lavoro cardiaco”, ha detto Mitrovic. 

Questa ricerca ha dunque suggerito che sessioni regolari di ascolto della musica potrebbero interrompere quella cascata di eventi riducendo l’ansia associata all’angina dopo un infarto.


Fonte:

https://www.acc.org/about-acc/press-releases/2020/03/18/09/02/music-as-medicine-30-minutes-a-day-shows-benefits-after-heart-attack