Rischio cardiovascolare: meglio assumere i farmaci la sera

Rischio cardiovascolare: meglio assumere i farmaci la sera

Le persone con ipertensione arteriosa che assumono i farmaci antipertensivi  al momento di coricarsi hanno un migliore controllo della pressione sanguigna e un rischio significativamente più basso di morte o malattia causata da problemi cardiaci o dei vasi sanguigni, rispetto a quelli che assumono i loro farmaci al mattino.

Il progetto Hygia [1] è il più grande studio sull’effetto dell’ora del giorno in cui le persone assumono i loro farmaci antiipertensivi collegato al rischio di problemi cardiovascolari. 

I ricercatori, guidati dal professor Ramón C. Hermida, direttore dei laboratori di bioingegneria e cronobiologia dell’Università di Vigo, in Spagna, hanno scoperto che i pazienti che assumevano i farmaci prima di coricarsi avevano quasi la metà del rischio (45% riduzione) di morte, rischio di infarti, ictus e insufficienza cardiaca rispetto ai pazienti che hanno assunto le loro medicine al risveglio.

I ricercatori hanno modificato le loro analisi per tener conto di fattori che avrebbero potuto influenzare i risultati, come età, sesso, diabete di tipo 2, malattie renali, fumo e livelli di colesterolo.

Quando hanno esaminato i risultati individuali, hanno scoperto che:

  • il rischio di morte per problemi cardiaci o dei vasi sanguigni era ridotto del 66%, 
  • il rischio di infarto miocardico era ridotto del 44%, 
  • rivascolarizzazione coronarica del 40%,
  • insufficienza cardiaca del 42% .

Il prof. Hermida ha dichiarato: “Le attuali linee guida sul trattamento dell’ipertensione non menzionano né raccomandano un orario particolare. L’ingestione mattutina è stata la raccomandazione più comune da parte dei medici basata sull’obiettivo fuorviante di ridurre i livelli di pressione arteriosa mattutina. Inoltre, non ci sono studi che dimostrano che il trattamento dell’ipertensione al mattino migliori la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari.I risultati di questo studio mostrano invece che i pazienti che assumono abitualmente i loro farmaci antiipertensivi al momento di coricarsi, al contrario di quando si svegliano, hanno un migliore controllo della pressione sanguigna e, soprattutto, un rischio significativamente ridotto di morte o malattia di cuore e problemi ai vasi sanguigni “. [2] [3]

Fonti:

The Hygia Project is currently investigating what the best blood pressure levels should be while asleep in order to reduce cardiovascular risk most effectively in the THADEUS Trial (Treatment of Hypertension During Sleep). [4]

Limitations of the Hygia Chronotherapy Trial include that it requires validation in other ethnic groups; the question of whether the same results would be seen in shift workers also requires investigation; and patients were not assigned to specific hypertension medication classes or specific lists of medications within each class — their treatment was chosen by their doctors according to current clinical practice.

[1] “Bedtime hypertension treatment improves cardiovascular risk reduction: the Hygia Chronotherapy Trial,” by Ramón C. Hermida et al. European Heart Journal. doi:10.1093/eurheartj/ehz754

[2] Hygia Project, “Asleep blood pressure: significant prognostic marker of vascular risk and therapeutic target for intervention,” by Ramón C. Hermida et al. European Heart Journal, 2018;39:4159-4171, doi:10.1093/eurheartj/ehy475

[3] Systolic blood pressure is the pressure in the arteries as the heart contracts to eject blood out into them. Diastolic blood pressure is the pressure in the arteries between heart beats when the cardiac muscles relax.[4] Treatment of Hypertension During Sleep (THADEUS), https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03457168