Tornare al lavoro dopo un attacco di cuore: alcuni consigli

Tornare al lavoro dopo un attacco di cuore: alcuni consigli

I pazienti che hanno avuto un attacco di cuore ma che hanno  il desiderio di tornare al lavoro possono farlo. Questo è il messaggio principale di un articolo pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

I pazienti che credono di poter ancora svolgere il loro lavoro e vogliono tornare operativi ne faranno un successo“, ha detto l’autore principale Dr Rona Reibis, dell’Università di Potsdam, in Germania. “Dopo un attacco cardiaco è molto raro che i pazienti non siano fisicamente in grado di svolgere i loro compiti precedenti, compreso il lavoro pesante.”

Tra il 67% e il 93% dei pazienti con sindromi coronariche acute – che includono infarto e angina instabile (dolore toracico) – riprendono a lavorare in due o tre mesi. Ma dopo un anno, uno su quattro smette. Tra quelli sopra i 55 anni, le donne hanno meno probabilità di tornare al mondo del lavoro rispetto agli uomini.

Da cosa dipende?

La probabilità di tornare al lavoro dipende principalmente dalla decisione del paziente: vogliono tornare indietro o no? Successivamente ci sono fattori psicologici, come mancanza di fiducia, depressione e ansia.

Per quanto riguarda le differenze di genere, la dott.ssa Reibis ha affermato: “C’è ancora l’idea tradizionale che l’uomo debba tornare al lavoro perché è il capofamiglia, mentre le donne possono essere reintegrate, ma dipende se vogliono o meno. Si hanno più dubbi sulla loro capacità di svolgere i loro compiti precedenti – in particolare i ruoli da colletti bianchi.Le donne ben istruite con lavori impiegatizi non hanno questo problema “.

Allo stesso modo, gli operai che hanno un’istruzione e livelli socio-economici inferiori hanno maggiori probabilità di dimettersi dopo un anno. Questo è particolarmente vero per i pazienti di 30 anni che fumano e sono sovrappeso o obesi.

Come tornare al lavoro con successo

  • Partecipare alla riabilitazione cardiaca per ricevere consigli su uno stile di vita sano, oltre a suggerimenti personalizzati da parte di un cardiologo, psicologo, fisioterapista, assistente sociale e terapista occupazionale al rientro nel mondo del lavoro.
  • Non cambiare lavoro
  • Ricomincia gradualmente se necessario: fai meno ore / giorni all’inizio, lavora da casa una volta alla settimana, fai più pause, delegare alcune responsabilità.
  • Resta in contatto con il tuo medico di base e / o medico aziendale e aggiusta il carico di lavoro, se necessario.

Il modo migliore è tornare al lavoro che conosci“, ha detto il dott. Reibis. “I pazienti che hanno avuto un attacco cardiaco relativamente piccolo con ripristino completo del flusso sanguigno, che stanno costantemente assumendo i loro farmaci e non hanno un dispositivo impiantato sono in grado di svolgere il loro lavoro come prima senza alcuna precauzione“.

Altri potrebbero voler tornare al loro ruolo precedente“, ha continuato. “Nei primi due mesi, se non riesci a tenere il passo con il carico di lavoro, cambialo, non aspettare che diventi ingestibile e cerca di ridurre lo stress, ad esempio rinunciando ad alcune responsabilità.”

Fonti:

http://dx.doi.org/10.1177/2047487319839263